Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Ultime notizie

Ordinanza sindacale n. 290 - Accesso al Cimitero comunale anche mediante l'utilizzo di veicoli

Con Ordinanza sindacale n. 290 da domani 8 maggio sarà consentito l’accesso al Cimitero comunale di Sant’Anna per le visite ai defunti, nella fascia oraria che va dalle ore 8.00 alle ore 18.00, anche mediante l’utilizzo dei veicoli, purché muniti della relativa autorizzazione.

Attachments:
FileFile size
Download this file (Ordinanza n. 290 del 06.05.2020.pdf)Ordinanza n. 290 del 06.05.2020.pdf110 kB

Il Governo dovrà restituire 7 milioni e duecentomila euro spesi dal Comune per il funzionamento degli Uffici Giudiziari di Chieti IL TAR LAZIO accoglie il ricorso del Comune di Chieti

Sindaco Di Primio “Sconfitto il Governo degli incompetenti che sperava di far cassa sottraendo ai Comuni i soldi che questi avevano anticipato per conto dello Stato”

 

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, esprime soddisfazione per la sentenza del 5 maggio 2020 n. 4657 della I Sezione del  Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio che ha annullato l’art.3 -  comma 4  - del DPCM 10/3/17.

Il Comune di Chieti, promuovendo ricorso contro la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero di  Giustizia, il Ministero dell'Economia e delle Finanze e il Ministero dell'Interno, aveva infatti impugnato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 marzo 2017 perché adottato in violazione di legge e in specie della Legge Finanziaria 2016.

«Con il DPCM del 10 marzo 2017 – commenta il Sindaco Di Primio a margine della sentenza – il Governo Gentiloni ha tentato di ridurre del 50% il contributo dovuto dallo Stato ai Comuni a titolo di rimborso delle spese sostenute dagli Enti Locali per il funzionamento degli Uffici Giudiziari. Oltre al danno, il Decreto conteneva anche la beffa per i Comuni ai quali il Governo avrebbe voluto restituire le somme, già ridotte, in trenta anni. Parliamo di soldi che i Comuni hanno sborsato per conto dello Stato per sostenere utenze e manutenzione dei Tribunali: riparazioni, custodia, luce, acqua, gas e telefono. Se fosse passata la linea del Governo, malgrado la L. 392/41 preveda un contributo prossimo al 100%  ed il d.P.R. n. 187/98

Leggi tutto...

Servizi per l’Infanzia – Anno educativo 2020/2021 Le domande di iscrizione al Nido Comunale di via Amiterno potranno essere inviate fino al 5 giugno 2020

L’Assessore alla Pubblica Istruzione Carla Di Biase, rende noto che sul sito internet del Comune di Chieti - sezione “Moduli” Pubblica Istruzione http://www.comune.chieti.gov.it/images/modulistica/DOMANDA%202020-2021.pdf – è stata pubblicata la domanda di iscrizione, per l’anno educativo 2020/2021, al nido d’infanzia comunale di Via Amiterno “Il Riccio e la Volpe”.

La domanda, completa di documentazione allegata - copia documento di riconoscimento valido; ultima certificazione Isee conseguita entro il termine di presentazione della domanda di iscrizione - potrà essere consegnata entro e non oltre il 5 giugno 2020 secondo le seguenti modalità:

Leggi tutto...

Riavvio cantieri in città: inizia la Fase2 Sopralluogo e pianificazione dei lavori di Palazzo d’Achille

L’Assessore ai Lavori Pubblici, Raffaele Di Felice, questa mattina,dopo lo stop imposto dal Governo a causa dell’emergenza sanitaria,ha effettuato un primo sopralluogo all’interno del cantiere di Palazzo d’Achille con i responsabili del “Consorzio Stabile Rennova” di L’Aquila che dovrà ultimare gli interventi della sede municipale.

«Come annunciato dal Sindaco Di Primio - fa sapere l’Assessore Di Felice - stiamo lavorando per far ripartire i cantieri in città.In sinergia con il coordinatore della sicurezza, il progettista dei lavori e il collaudatore è stato pianificato il riavvio dei lavori nel cantiere che dovrà tener conto necessariamente del Protocollo sottoscritto da Governo e parti sociali nel quale sono state indicate le misure operative finalizzate a incrementare l’efficacia delle misure precauzionali volte al contrasto dell’epidemia di COVID-19. Dopo la verifica dello stato di avanzamento dei lavori, si partirà con la sanificazione dei luoghi e si procederà, poi, con un nuovo piano di sicurezza e coordinamento così come predisposto dal Ministero delle Infrastrutture».

La via d'uscita "spot contro violenza donne"