Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Ultime notizie

RIAPERTURA MERCATI SETTIMANALI DEL MARTEDÌ, MERCOLEDÌ, VENERDÌ E SABATO PER IL SOLO SETTORE ALIMENTARE E PIANTE/FIORI

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, con Ordinanza n. 291, autorizza, da oggi 12 maggio, la riapertura dei seguenti mercati cittadini settimanali, limitatamente al settore alimentare e piante/fiori:

-          Mercato settimanale del Martedì da svolgersi nell’area di Piazza Garibaldi;

-          Mercato settimanale del Mercoledì da svolgersi nell’area di Piazza Feltrino;

-          Mercato settimanale del Venerdì da svolgersi nell’area di Via XXIV Maggio;

-          Mercato settimanale del Sabato da svolgersi nell’area pubblica, adibita a parcheggio, adiacente al mercato coperto di Via Ortona.

Attachments:
FileFile size
Download this file (Ordinanza n. 291_20-508180019-0001.pdf)Ordinanza n. 291_20-508180019-0001.pdf173 kB

Leggi tutto...

COVID-19 distribuzione gratuita DPI da parte del Comune di Chieti

L’Amministrazione Comunale, in seguito all’emergenza sanitaria generata dalla diffusione del Covid-19, ha deciso di distribuire gratuitamente, fino ad esaurimento delle scorte, dispositivi di protezione personale (mascherine).

A tal fine, sono state individuate 2 categorie cui sarà data priorità nella distribuzione:

  1. Cittadini con patologie che rendono tali soggetti particolarmente esposti al contagio (disabilità certificata ai sensi della legge 5 febbraio 1992 n. 104, malattie autoimmuni, farmaco resistenti, degenerative e/o certificate come malattie rare);
  2. Donne in stato di gravidanza.

Le persone che rientrano in una delle suddette categorie, dovranno autocertificarne l’appartenenza mediante comunicazione e-mail o telefonica.

L’indirizzo email cui inviare le richieste è il seguente: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo..

In alternativa, ove non si disponesse di propria casella di posta elettronica, sarà possibile richiedere le mascherine telefonando al numero 0871/307127, dal lunedì al

Leggi tutto...

Ordinanza sindacale n. 290 - Accesso al Cimitero comunale anche mediante l'utilizzo di veicoli

Con Ordinanza sindacale n. 290 da domani 8 maggio sarà consentito l’accesso al Cimitero comunale di Sant’Anna per le visite ai defunti, nella fascia oraria che va dalle ore 8.00 alle ore 18.00, anche mediante l’utilizzo dei veicoli, purché muniti della relativa autorizzazione.

Attachments:
FileFile size
Download this file (Ordinanza n. 290 del 06.05.2020.pdf)Ordinanza n. 290 del 06.05.2020.pdf110 kB

Il Governo dovrà restituire 7 milioni e duecentomila euro spesi dal Comune per il funzionamento degli Uffici Giudiziari di Chieti IL TAR LAZIO accoglie il ricorso del Comune di Chieti

Sindaco Di Primio “Sconfitto il Governo degli incompetenti che sperava di far cassa sottraendo ai Comuni i soldi che questi avevano anticipato per conto dello Stato”

 

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, esprime soddisfazione per la sentenza del 5 maggio 2020 n. 4657 della I Sezione del  Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio che ha annullato l’art.3 -  comma 4  - del DPCM 10/3/17.

Il Comune di Chieti, promuovendo ricorso contro la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero di  Giustizia, il Ministero dell'Economia e delle Finanze e il Ministero dell'Interno, aveva infatti impugnato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 marzo 2017 perché adottato in violazione di legge e in specie della Legge Finanziaria 2016.

«Con il DPCM del 10 marzo 2017 – commenta il Sindaco Di Primio a margine della sentenza – il Governo Gentiloni ha tentato di ridurre del 50% il contributo dovuto dallo Stato ai Comuni a titolo di rimborso delle spese sostenute dagli Enti Locali per il funzionamento degli Uffici Giudiziari. Oltre al danno, il Decreto conteneva anche la beffa per i Comuni ai quali il Governo avrebbe voluto restituire le somme, già ridotte, in trenta anni. Parliamo di soldi che i Comuni hanno sborsato per conto dello Stato per sostenere utenze e manutenzione dei Tribunali: riparazioni, custodia, luce, acqua, gas e telefono. Se fosse passata la linea del Governo, malgrado la L. 392/41 preveda un contributo prossimo al 100%  ed il d.P.R. n. 187/98

Leggi tutto...

La via d'uscita "spot contro violenza donne"