Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Non ci sono articoli in questa categoria. Se si visualizzano le sottocategorie, dovrebbero contenere degli articoli.

Sottocategorie

  • Avere un figlio

    I bambini hanno diritto alla protezione e alle cure necessarie per il loro benessere. Essi possono esprimere liberamente la propria opinione; questa viene presa in considerazione sulle questioni che li riguardano in funzione della loro età e della loro maturità.
    In tutti gli atti relativi ai bambini, siano essi compiuti da autorità. pubbliche o da istituzioni private, l'interesse superiore del bambino deve essere considerato preminente (Art. 24 carta dei diritti europea).
    È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio.
    Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti.
    La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima.
    La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità (Art. 30 Cost).
    il concepimento di una persona è il più grande evento che può accadere nella storia dell’universo.
    È quindi un atto che impegna al massimo la responsabilità di due genitori i quali hanno il diritto e il dovere di provvedere all’educazione e all’istruzione dei loro figli secondo le loro convinzioni religiose, filosofiche e pedagogiche (Art. 14 Carta dei diritti del cittadino europeo).
    Infatti la famiglia è il primo è il primo “soggetto educativo”, il primo luogo in cui la persona umana viene costruita nelle sue fondamenta.
    Ciò significa che nessun altro ambito, nessun altro soggetto, può sostituirlo, quindi fino ad un certo momento dello sviluppo della persona umana gli altri soggetti educativi devono cooperare con la famiglia.
    L’educazione di un figlio consiste nell’indurlo e condurlo verso la realtà della vita, quell’impatto con la realtà che si chiama “esperienza umana”.
    In questa sezione puoi trovare una serie di informazioni e servizi che riguardano:
    “certificato di nascita”, “estratto di nascita”, “denuncia di nascita”, “atto di nascita”, “iscrizione al registro anagrafico”.

  • Sposarsi

    La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio.
    Il matrimonio è ordinato sull'eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell'unità familiare (Art. 29 Cost.).
    La famiglia è un insieme di persone impegnate nella reciproca crescita, sviluppo, sicurezza, cura, felicità ecc... in modo leale, solidale, tollerante e che sostenga l'individuo e l'unità familiare stessa.
    È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio.
    Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti.
    La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima (Art. 30 Cost.).

  • Affrontare un lutto
  • Studiare

    Ogni individuo ha il diritto all’istruzione e all’accesso alla formazione professionale e continua.
    Questo diritto comporta la facoltà di accedere gratuitamente all’istruzione obbligatoria.
    La libertà di creare istituti d’insegnamento nel rispetto dei principi democratici così come il diritto dei genitori di provvedere all’educazione e all’istruzione dei loro figli secondo le convinzioni religiose, filosofiche e pedagogiche, sono rispettati secondo le leggi nazionali che ne disciplinano l’esercizio.
    La vita scolastica di una persona è uno dei periodi più importanti e più delicati dell'esistenza umana poiché proprio all'interno di quel periodo viene sviluppata la cultura di una persona e anche una certa formazione sociale.

  • Fare sport

    Mens sana… Gli effetti di una costante attività fisica sono molteplici, tanto fisici quanto psichici.
    Alcuni studi hanno dimostrato che i benefici si riflettono sulla salute mentale: per esempio, si dorme meglio e di più e la sensazione di benessere e di relax aiuta a curare alcune forme lievi di depressione e a canalizzare l’aggressività, favorendo l’autocontrollo e il riconoscimento dei propri limiti.
    Muovendoci, camminando o nuotando, liberiamo endorfine, ormoni che ci aiutano a controllate lo stress e l’ansia, migliorando la sensazione generale di benessere.


    Informazioni per utilizzo impianti sportivi:

    COMUNE DI CHIETI

    V Settore – 7°Servizio Supporto Amministrativo – Sport e Politiche Giovanili
    Via delle Robinie n. 5 - 66100 Chieti
    Funzionario Amministrativo – Dott.ssa Maria Luigina Pia Vernaci

    0871.341478 / 450 / 480

  • Andare all'estero

    Essere cittadino dell'Europa unita significa poter viaggiare più liberamente per conoscere ancora più da vicino la vita quotidiana, gli usi e le tradizioni degli altri Stati. La libera circolazione favorisce non solo i viaggi a scopo turistico, ma anche gli scambi commerciali e culturali.
    Un'occasione in più, per noi giovani e data dalle possibilità di studiare e lavorare in un altro paese, favorendo la reciproca conoscenza, le relazioni interpersonali e interculturali.
    Tra le cose da non dimenticare di mettere in valigia ci sono i documenti. Occorre innanzitutto informarsi per tempo sui documenti necessari per l'espatrio. Perché, se per entrare in alcuni Paesi basta la carta d'identità, per passare la dogana di altre destinazioni serve il passaporto e, in alcuni casi, il visto. Inoltre è buona norma verificare le date di scadenza dei documenti.

  • Abitare

    Da sempre un uomo mira ad avere un tetto sulla testa, avere un alloggio una casa in cui vivere è un diritto fondamentale riconosciuto dalla comunità internazionale. Esso fa parte dei cosiddetti diritti economici, sociali e culturali, tradizionalmente distinti dai cosiddetti diritti politici e civili. La difesa del diritto all’alloggio è presente da tempo nel diritto internazionale, sia in maniera implicita, attraverso il collegamento con altri diritti fondamentali, così come avviene nella convenzione europea dei diritti dell’uomo, sia in maniera esplicita, con il novero diretto del diritto all’alloggio tra quelli fondamentali.

    Se vogliamo considerare la questione in termini pratici invece: l’acquisto di una casa rappresenta un investimento importante, non solo da un punto di vista economico ma anche per questioni legate alla propria persona (prestigio, indipendenza, comodità). Inoltre, considerato l’incremento del valore degli immobili nel tempo, esso costituisce una sicura collocazione del proprio risparmio.

  • Muoversi con un mezzo di trasporto

    Gli italiani utilizzano per i loro spostamenti, sia per lavoro che nel tempo libero, quasi esclusivamente l’auto: circa nove italiani su dieci preferiscono l’auto ai mezzi pubblici.
    MEZZI PUBBLICI - Solo il 39% degli italiani utilizza i mezzi di trasporto pubblico per spostarsi in città, il 25% dichiara di spostarsi a piedi ma ben l’84% preferisce spostarsi in automobile.
    L’auto risulta essere anche il principale mezzo di trasporto utilizzato per raggiungere il posto di lavoro: ben il 74% degli italiani ogni mattina utilizza la propria vettura; pochi quelli che dichiarano di utilizzare i mezzi pubblici (21%); ancor meno (9%) quelli che preferiscono spostarsi a piedi.

  • Pagare le tasse

    Con il termine "tasse" si intendono tutti quei versamenti obbligatori da parte del cittadino necessari per il funzionamento della macchina pubblica e del welfare.
    Ad esempio il ticket sanitario è una tassa, il prezzo del francobollo è una tassa (postale appunto), mentre le imposte, che sono genericamente divise in dirette (ad esempio l'IRPEF, imposte sui redditi delle persone fisiche) ed in indirette (ad esempio la marca da bollo), sono incassate non perché si è richiesto un servizio pubblico, ma sono dovute solo se si rientra in determinate situazioni di tassabilità.