Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Villa comunale

La villa cittadina risulta essere un elegante esempio di parco urbano di stile ottocentesco. Nata dall’accorpamento dei giardini delle ville nobiliari delle famiglie Frigerj e Nolli.

Quando il parco di villa Frigerj era adibito a campo sperimentale dell’Istituto Agrario fu aperto un lungo viale, detto stradone di S. Andrea, che subito fu utilizzato come passeggio serale. Alla fine del secolo XIX venne quindi disegnato come parco pubblico e sottoposto ad una serie di modifiche. Tutta la zona fu suddivisa in piazzali collegati da vialetti, fu creato un largo terrazzo panoramico, fu dotata di un laghetto artificiale e di fontane artistiche; la principale acquistata alla Fiera di Parigi nel 1890. Vennero collocati nel parco anche esemplari di piante esotiche e rare.

Dominano le alture del parco le strutture delle neoclassiche ville Frigerj, oggi Museo Nazionale Archeologico, e Nolli, oggi Seminario Regionale, nonché il complesso dell’Ospedale Militare, antico convento di Sant’Andrea, fondato nel 1420 dall’Ordine francescano degli Zoccolanti riadattato ad edificio militare dopo l’editto napoleonico e fortemente rimaneggiato fino agli anni ’60 del secolo scorso, e la Casa dello Studente, interessante esempio di architettura fascista di stampo razionalista progettata nel 1936 dall’Ingegnere Giuseppe Barra Caracciolo.