Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Chiuso da due settimane il Canile Sanitario - Consigliere Di Pasquale “Torna a preoccupare il rischio randagismo. Faccio appello all’Assessore Regionale alla Sanità e alla dirigenza Asl affinché venga riaperta la struttura veterinaria”

“Il Canile Sanitario dell’Azienda Sanitaria Locale 2 Lanciano/Vasto/Chieti sito a Bucchianico è chiuso dallo scorso 15 aprile e il rischio randagismo torna a preoccupare”. A denunciare la situazione è il Consigliere Comunale Franco Di Pasquale, delegato del Sindaco Di Primio alla Protezione Animale.

«Nessuno può accedere al Canile di Contrada Colle Cucco da due settimane - commenta il Consigliere Di Pasqualee le sterilizzazioni di cani e gatti proseguono molto a rilento con notevoli disagi per l’utenza di Chieti, Miglianico e Ari a causa del blocco delle attività della struttura.

 

Lanciano, unico canile sanitario funzionante, più limitrofo al capoluogo, oltre a smaltire la propria mole di lavoro sarà costretta, dunque, ad applicare i microchip identificativi e ad effettuare le sterilizzazioni anche per i circa 400 cani e 250 gatti dell’area teatina. Alla luce di questo grave disservizio e di una situazione sanitaria che potrebbe aggravarsi se la struttura di Bucchianico non verrà riaperta faccio appello all’Assessore alla Sanità Regionale Nicoletta Verì, al Direttore del Dipartimento di Prevenzione della Asl Lanciano/Vasto/Chieti Giuseppe Torzi e al Responsabile Randagismo, Igiene Urbana Veterinaria dott. Ettore De Nobili affinché l’ambulatorio veterinario Asl torni a tutti gli effetti ad operare.

Da anni – evidenzia il Consigliere – esiste un progetto di ristrutturazione della struttura di Bucchianico che ha bisogno solo di essere realizzato. Oggi, viste le chiusure già registrate in passato dello stesso ambulatorio, la necessità di soccorrere gli animali incidentati e combattere il randagismo è più che mai indifferibile l’avvio dei lavori e garantire un vero sostegno alle politiche animali».