Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

La Cittadella della Cultura comincia a delinearsi

Via libera alla progettazione esecutiva

per l’edificio da destinare a sede dell’Archivio di Stato.  

 

“Prosegue l’iter per la trasformazione della ex Caserma Bucciante in “Cittadella della Cultura” mediante la rifunzionalizzazione e conseguente assegnazione degli spazi all’Archivio di Stato, alla Biblioteca De Meis e all’Università “G. d’Annunzio”. Il Settore Urbanistica del Comune di Chieti, attraverso il Dirigente, Arch. Silvana Marrocco, ha rilasciato parere urbanistico edilizio alla progettazione esecutiva riguardante l’edificio da destinarsi ad Archivio di Stato, attualmente ubicato in via Ferri”.

A renderlo noto è l’Assessore all’Urbanistica, Mario Colantonio.

 

«Il Provveditorato interregionale alle Opere Pubbliche Lazio Abruzzo Sardegna con sede a L’Aquila – prosegue l’Assessore Colantonio – potrà, pertanto, intraprendere già nelle prossime settimane le procedure per la gara di appalto, confermando la disponibilità economica immediata da parte del Demanio dello Stato, proprietario dell’immobile e del servizio in questione. L’inizio dei lavori è presumibilmente previsto per l’autunno nel pieno rispetto del cronoprogramma iniziale.

Allo stato, dopo l’approvazione della progettazione preliminare per quanto riguarda gli edifici da destinare alla Biblioteca provinciale De Meis e all’Università “G. d’Annunzio” – aggiunge l’Assessore - non ci risultano evoluzioni riguardo alle successive fasi della progettazione esecutiva. Siamo, tuttavia, fiduciosi, anche in considerazione delle aspettative che la collettività teatina ha riposto sull’importante progetto, auspicando in un concreto impulso nei confronti della “gravosa burocrazia” che ha finora fortemente rallentato l’iter amministrativo e progettuale e soprattutto che vengano reperite le reali coperture economiche per la realizzazione dell’opera la quale, pur essendo partita in epoca antecedente rispetto al progetto per la rifunzionalizzazione della Caserma Berardi, si trova fortemente in ritardo».