Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

In occasione della “Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne”, come ogni anno, il Comune di Chieti – Assessorato alle Pari Opportunità -, in convenzione con il Centro Antiviolenza Alpha, promuove iniziative di sensibilizzazione sul territorio di Chieti. Lo rende noto l’Assessore alle Pari Opportunità, Emilia De Matteo.

Nello specifico, domani, venerdì 25 novembre 2016, alle ore 11.00, presso l’Auditorium del Liceo Classico “G.B. Vico”, alla presenza del Sindaco di Chieti Umberto Di Primio, saranno resi noti i dati relativi alle attività svolte dal Centro Antiviolenza Alpha. Verrà, inoltre, presentato il progetto “ImPARIamo in GENERE si può: prevenire la violenza” che vedrà coinvolti gli studenti degli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado che hanno aderito all’iniziativa. 

 

Nel corso dell’incontro verrà comunicata l’approvazione del progetto del Ministero delle Pari opportunità “SIBILLA” (sistema di azioni integrate per il potenziamento dai centri antiviolenza in Abruzzo) che il Comune di Chieti ha presentato in partenariato con i Comuni di Pescara e Vasto, i Centri Antiviolenza Alpha di Chieti, Ananke di Pescara, Donna Attiva di Vasto e Le Melusine di L’Aquila.

«Numerose sono le donne sostenute dal Centro Antiviolenza Alpha, ma ancora molte non riescono, per svariati motivi, a chiedere aiuto – commenta l’Assessore Emilia De Matteo - Questi momenti sono un’opportunità di sensibilizzazione al fine di far comprendere l’importante lavoro svolto nei Centri Antiviolenza e, soprattutto, veicolare il messaggio che dalla violenza si può uscire.

Il   compito delle Istituzioni e del Centro Antiviolenza Alpha, oltre che sostenere, è soprattutto quello di prevenire, creare una consapevolezza del rispetto dell’essere umano nella differenza di genere.

Per tale motivo, quest’anno abbiamo privilegiato la sensibilizzazione all’interno delle scuole, promuovendo iniziative di conoscenza del fenomeno, ma soprattutto azioni di prevenzione che coinvolgeranno gli studenti».