Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Chieti capofila dell’Ambito Distrettuale Sociale n. 8

 “Il Consiglio Comunale, nell’odierna seduta, ha approvato la delibera per la costituzione dell’Ambito Distrettuale Sociale n. 8 tra i Comuni di Chieti, Ente capofila, e di Casalincontrada come stabilito dal provvedimento di Consiglio Regionale 70/3 approvato il 9 agosto 2016. Un sentito ringraziamento desidero rivolgerlo a tutti i Consiglieri Comunali”. Lo rende noto l’Assessore alle Politiche Sociali, Emilia De Matteo.

 

«A seguito del provvedimento del Consiglio Regionale – ha specificato l’Assessore De Matteo - si è costituta la Conferenza dei Sindaci dei due Comuni che hanno dato vita ad una serie di incontri per definire le procedure giuridico- amministrative per la costituzione dell’Ambito. Nel corso della Conferenza dei Sindaci, è stata stabilita la forma associativa della convenzione approvata oggi dal Consiglio Comunale. Da questo momento in poi partiranno le procedure di partecipazione attiva sul territorio per arrivare alla progettazione del nuovo Piano Sociale di Ambito Distrettuale n. 8 tra i Comuni di Chieti e Casalincontrada. Al primo incontro, che si terrà il 29 novembre presso la delegazione municipale di Chieti Scalo – ha aggiunto l’Assessore De Matteo -, sono state invitate a partecipare tutte le associazioni, il settore della cooperazione, le istituzioni pubbliche e private, nonché i cittadini di Chieti e di Casalincontrada per iniziare il percorso di costituzione del Gruppo di Piano. Il 30 novembre e il 1 dicembre, sempre presso la Delegazione di Piazza Carafa, si svolgeranno due giornate di incontri tematici così come stabilito nel Piano Sociale regionale che verteranno su: famiglia, giovani, terza età, area della disabilità, immigrazione, assistenza domiciliare. Va, inoltre, sottolineato l’aspetto innovativo per l’Ambito Distrettuale Sociale rappresentato dall’accordo di programma che verrà stabilito con la ASL nell’ottica di un percorso di Piano Sociale ad integrazione sanitaria».