Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Vento forte, crolla un albero in via della Liberazione Assessore Di Felice: “Intensificheremo le verifiche già programmate sul patrimonio arboreo cittadino”

“Il forte vento della notte scorsa ha provocato, all’alba di oggi, l’abbattimento di un grosso albero di acacia in via della Liberazione. Cadendo, la pianta si è schiantata all’interno del sottostante cortile degli uffici dell’Agenzia del Territorio sfiorando un’autovettura. Il crollo non ha, fortunatamente, causato danni se non ad un lampione all’interno del cortile che i tecnici comunali provvederanno a ripristinare già nella mattinata di lunedì”. Lo rendenoto l’Assessore al Verde Pubblico, Raffaele Di Felice.

 

«Su mia disposizione – aggiunge l’Assessore Di Felice - sul posto sono immediatamente intervenuti gli operai comunali, che ringrazio per la solerte collaborazione, i quali hanno proceduto alla rimozione e al taglio dell’albero.

L’attenzione dell’Amministrazione comunale nei confronti della gestione del territorio e, in particolar modo, della sicurezza dei cittadini, è massima. Per tale motivo, fermo restando che non vi è la volontà di tagliare indiscriminatamente le piante, saranno intensificate le verifiche sullo stato di salute del patrimonio arboreo cittadino procedendo, nel caso di esemplari malati in condizioni di instabilità, alla loro eliminazione per evitare che si generino situazioni di pericolo per la pubblica incolumità.

Nel ribadire l’accidentalità dell’accaduto, desidero rimarcare il senso di responsabilità dell’Amministrazione comunale che, come già dimostrato innumerevoli volte in occasione di eventi atmosferici, si prodiga per effettuare dei tagli straordinari di piante che possono costituire pericolo al fine di evitare ben più gravi accadimenti.»