Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Tariffe Scolastiche Vice Sindaco Giampietro: “Superflua la delibera del M5S. L’amministrazione comunale già da tempo è al lavoro per apportare miglioramenti”

“Pur condividendo alcuni spunti di riflessione, la Maggioranza di Centro Destra ha ritenuto del tutto superflua la delibera con la quale il Movimento 5 Stelle, nell’odierno Consiglio Comunale, ha chiesto l’annullamento del provvedimento di Giunta municipale in relazione alla modifica delle tariffe relative al trasporto scolastico”. E’ quanto affermano il Vice Sindaco - Assessore alla Pubblica Istruzione, Giuseppe Giampietro - e i Capigruppo consiliari di Maggioranza: Stefano Rispoli (Forza Italia), Mario De Lio (Udc), Roberto Melideo (Ncd), Diego Costantini (, Marco Di Paolo, Graziano Marino, e Franco Di Pasquale.

«L’Amministrazione Comunale, pronta a recepire alcuni possibili interventi e soluzioni migliorative, accogliendo le istanze che provengono dal mondo della Scuola e dai rappresentanti dei genitori, già da tempo è all’opera, insieme ai Dirigenti scolastici e ai Presidenti di Consiglio di Istituto, per apportare quelle modifiche volte al miglioramento della delibera stessa. Il lavoro è quasi ultimato, in attesa delle ultime verifiche.

Nello specifico, l’individuazione di ulteriori fasce di reddito con particolare attenzione alle famiglie con più di un minore e ai non residenti, renderà più equilibrato l’intero sistema tariffario. Inoltre, con l’Ufficio Legale, stiamo verificando la tempistica circa l’attuazione della Delibera stessa e, con gli Uffici, stiamo predisponendo i dovuti correttivi per le iscrizioni ai servizi.

L’attuale impianto tariffario per il trasporto, la refezione scolastica e le rette per gli Asili Nido, non veniva aggiornato dal 2006. I costi, ancora oggi, sono in linea, se non tra i più bassi, con quelli di  altri comuni abruzzesi e italiani. Pertanto, fermo restando l’adeguamento tariffario, nell’ottica di venire incontro alle difficoltà delle famiglie, stiamo operando una revisione dei  prezzi in base alle fasce di reddito, prevedendo esenzioni e riduzioni.

Nonostante durante la seduta consiliare si sia cercato di far comprendere le nostre intenzioni, l’opposizione ha preferito rimanere sulle proprie posizioni. Dal canto nostro, continueremo a lavorare responsabilmente e con trasparenza per rendere migliori i servizi che eroghiamo.»