Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Sindaco Di Primio - L’Assessore Di Biase nominata coordinatrice scientifica nazionale all’interno del Laboratorio Sperimentale sulla Rigenerazione Urbana

Protocollo d’Intesa fra Comune di Chieti e Confcommercio Chieti per la riqualificazione del tessuto urbano e la rigenerazione sociale ed economica: l’Assessore al Commercio Carla Di Biase nominata coordinatrice scientifica nazionale all’interno del Laboratorio Sperimentale Nazionale

 

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, comunica che a seguito del Protocollod’Intesa, sottoscritto lo scorso 18 aprile,che impegna Comune di Chieti e Confcommercio Chieti a portare avanti iniziative congiunte riguardanti la riqualificazione del tessuto urbano e la rigenerazione socialeed economica del territorio - iniziativa che fa seguito alla Convenzione nazionale stipulata fra ANCI e Confcommercio Imprese Italia che vede Chieti tra le 44 città italiane aderenti ad una sperimentazione triennale – l’Assessore alle Attività Produttive e al Commercio, Carla Di Biase, è stata nominata dalCRITEVAT/Centro Reatino di ricerche di Ingegneria per la Tutela e la Valorizzazione dell’Ambiente e del Territorio dell’Università “La Sapienza” di Roma coordinatrice scientifica nazionale del gruppo di lavoro tematico denominato “Mobilità di persone e merci” laddove Chieti figura città capofila di altre 5 centri: Trieste, Gorizia, Portogruaro, Pescara, Pagani.

 

Gli altri Gruppi Tematici che costituiscono il “Laboratorio Sperimentale Nazionale sulla Rigenerazione Urbana” che fungerà da Osservatorio per la verifica dell’andamento del protocollo e le iniziative sui territori, sono i seguenti:

1. Agenda Urbana

Coordinamento scientifico affidato all’arch. Lilia Cannarella, Vicepresidente  Consiglio Nazionale Architetti. Coadiuvata da arch. Fabio Foti, presidente Ordine Architetti e Coordinatore Urbanpro Vibo Valentia;

2. Centri Storici

Coordinamento scientifico affidato al dottor Giovanni Struzzola, direttore Confcommercio Piacenza; 

3. Periferie Urbane

Coordinamento scientifico affidato al dottor Francesco Alfieri, direttore Confcommercio Siracusa 

4. Rigenerazione urbana e riuso del patrimonio immobiliare dismesso o in via di dismissione

Coordinamento scientifico affidato al prof. arch. Marcello Spigaroli, docente Politecnico di Milano;

5. Mobilità di persone e merci

Coordinamento scientifico affidato all’avv. Carla Di Biase, Assessore Attività Produttive Comune di Chieti. Chieti capofila di altre 5 città: Trieste, Gorizia, Portogruaro, Pescara, Pagani;

6.Città accessibile a tutti

Coordinamento scientifico affidato all’arch. Iginio Rossi, direttivo Inu e direttore Urbit;

7. Governance delle risorse energetiche e sviluppo sostenibile del territorio

Coordinamento scientifico affidato all’ing. Giovanni Alcaro, Catanzaro;

8. Relazioni tra città, territorio e turismo

Coordinamento scientifico affidato al dottor Alberto Corti, responsabile del settore turismo di
Confcommercio nazionale;

9. Mobilità elettrica

Coordinamento scientifico affidato al dottor Camillo Piazza, presidente di Class Onlus;

10 Piano regolatore della programmazione europea
Coordinamento scientifico affidato all’arch. Paola Cigalotto

In fase di costituzione i coordinamenti scientifici dei gruppi: “Progettazione partecipata e rigenerazione urbana”, “Traffico & Commercio”, “Sistemi commerciali urbani, ruolo economico, ruolo sociale, ruolo urbanistico”, “Inclusione sociale”, “Trasformazione antropologica e nuovi linguaggi”.

«Sono lusingata per l’incarico conferitomi dal direttivo nazionale – ha commentato l’Assessore Di Biasee come ribadito nel corso del primo incontro a Roma, l’obiettivo è lavorare alacremente per stilare quanto prima possibile le linee guida metodologiche sulla rigenerazione urbanache sarannosistematizzate dal CRITEVAT. Entro tre anni le città che hanno aderito al Protocollo dovranno convertire in azioni le linee approvate dal coordinamento scientifico: una opportunità, questa, da non perdere se si vogliono far crescere le città sotto il profilo dell’innovazione e dare una mano al commercio. Sono sicura – ha concluso l’Assessore– che l’esperienza del tavolo nazionale sarà una ottima risorsa anche per il tavolo teatino del piano commercio in corso di svolgimento».