Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Il Sindaco Umberto Di Primio

Contatti

Corso Marrucino, n º 81 - 66100 Chieti
Tel. +39871 341.240 / +39871 341.247
Fax. +39871 341.249
mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Il Sindaco riceve esclusivamente previo appuntamento il Martedì (mattina/pomeriggio) e il Giovedì (mattina)

 

Deleghe

-          Polizia Municipale

-          Teatro Marrucino

-          Protezione Civile

-          Governance

 

Curriculum

Umberto Di Primio è nato a Ripa Teatina (CH) il 1º dicembre 1968.

Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli  Studi di Teramo e attualmente esercita la libera professione di avvocato.

Nel 1987 inizia la sua attività politica all’interno dell’MSI-DN dove, sin da giovanissimo, ricopre l'incarico di Responsabile Provinciale della Comunicazione e Propaganda oltre che di Vice Segretario Provinciale.

Nel 1993, a seguito delle elezioni amministrative comunali, eletto nella lista MSI-DN, diventa Vice Sindaco e Assessore della Giunta guidata da Nicola Cucullo, fu all’epoca il più giovane Vice Sindaco d'Italia di città capoluogo.

Due anni dopo, nel 1995, a Fiuggi, aderisce ad Alleanza Nazionale (A.N.) e subito dopo viene eletto all’interno dell'Assemblea Nazionale del partito, carica che conserverà anche dopo il Congresso di Bologna.

Nel 1997 entra a far parte del Dipartimento Enti Locali di A.N., dove viene chiamato ad assumere l'incarico di Responsabile Nazionale degli Enti Dissestati.

Nel 1999 viene chiamato a far parte del Dipartimento Politiche Economiche di A.N., dove si occupa di politiche per il turismo ed il commercio.

Sempre nel 1999, alle elezioni amministrative provinciali, candidatosi nel Collegio Chieti 1 con Alleanza Nazionale, ottiene il maggior numero di consensi nella città di Chieti e viene nominato Capogruppo alla Provincia di Chieti per AN.

Sin dalla sua elezione nel 1993 in Consiglio Comunale e, poi, quale Vice Sindaco, ha curato per conto dell’Ente i rapporti con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI).

Nel novembre del 1999, al Congresso Nazionale ANCI di Catania viene eletto prima nel Consiglio Nazionale dell'A.N.C.I. e poi nel Comitato Direttivo Nazionale, incarichi riconfermatogli nei successivi congressi.

Dal 1999 al 2004, sempre in qualità di rappresentante dell'A.N.C.I. nazionale, diviene componente delle Commissioni permanenti “Bilancio, Affari e Riforme Istituzionali”, mentre per l’A.N.C.I. regionale è nominato componente del Comitato Tecnico Regionale di Protezione Civile e, fino al 2009, nella Conferenza Regione-Enti Locali.

Nel 2000, nuovamente confermato in seno al Consiglio Comunale di Chieti ne diventa il Presidente.

Lo stesso anno viene eletto all’interno dell’Ufficio di Presidenza del Coordinamento Nazionale dei Consigli Comunali di A.N.C.I. e gli viene affidato il coordinamento delle Regioni meridionali. Successivamente assumerà l’incarico di Vice Coordinatore Nazionale dell'Ufficio di Presidenza del Coordinamento Nazionale dei Consigli Comunali di A.N.C.I.

Nel 2003, a Firenze, viene chiamato a presiedere ed aprire i lavori della XX Assemblea Nazionale dell'A.N.C.I.

Cofondatore del Club di prodotto dell'A.N.C.I. "I borghi più belli d'Italia", viene nominato componente del comitato tecnico scientifico e responsabile nazionale della comunicazione.

Nel settembre 2004 viene nominato componente della Consulta Turismo di A.N.C.I. nazionale nonché eletto nel direttivo regionale dell'ANCI ove ricopre, fino al 2009, la carica di Vice Presidente regionale di ANCI-Abruzzo.

L’anno successivo (2005), dopo essere stato indicato dal proprio partito quale candidato Sindaco di Chieti, decide di ritirare la propria candidatura in favore di un esponente dell’allora Forza Italia: è l'anno della sconfitta elettorale del Centro Destra a Chieti ma Umberto Di Primio viene rieletto in Consiglio Comunale con un forte consenso personale, il maggiore della coalizione di centrodestra.

Negli anni successivi, unitamente ad altri consiglieri, costruisce il progetto del centro destra per il futuro della Città di Chieti.

Nel 2010, dopo circa vent'anni di vita amministrativa attiva, coerente, tenace e riconoscibile per lo spirito di servizio ed amore per la città, Umberto Di Primio viene indicato dal PDL, dall’intera coalizione di Centro Destra e dal mondo dell’associazionismo, candidato alla carica di Sindaco di Chieti.

Alle elezioni amministrative, svoltesi il 28 e 29 marzo 2010, viene eletto Sindaco di Chieti con il 61,36% delle preferenze. È sostenuto in Consiglio Comunale, da una maggioranza costituita da: PdL, UdC, Giustizia Sociale, Alleanza per Di Primio, MpA-Idea Comune, Lega Nord-Popolo di Chieti.

Nel novembre 2011 è stato nominato Delegato Nazionale dell’A.N.C.I. al Personale ed alle Relazioni Sindacali, qualche mese dopo è stato eletto Presidente Nazionale del Comitato di Settore del Comparto Regioni – Autonomie Locali.

Nel novembre 2013, scegliendo di non partecipare alla rifondazione di Forza Italia, aderisce a Nuovo Centro Destra.

Il 16 dicembre 2014 è stato nominato Vicepresidente Nazionale dell’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani - con Delega alla riforma della Pubblica Amministrazione, Politiche del Personale e Relazioni Sindacali, incarico ricoperto per la prima volta da un Sindaco della Città di Chieti.

Recentemente è stato nominato Delegato dell’A.N.C.I. al Personale ed alle Relazioni Sindacali ed eletto Presidente del Comitato di Settore del Comparto Regioni – Autonomie Locali.