Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

L’emergenza Coronavirus non ferma le attività del Centro Antiviolenza Alpha Comunale - Le donne vittime di violenza possono continuare a contattare le professioniste per assistenza e supporto

 Assessore De Matteo “In questo momento l’amministrazione comunale continua a supportare chi è in difficoltà e più di altri ha bisogno di un sostegno”

 

L’Assessore alle Politiche Sociali, Emilia De Matteo, e la Presidente del Centro Antiviolenza Alpha, Marialaura Di Loreto, comunicano che il Centro Antiviolenza Alpha  Comunale, nonostante l’emergenza sanitaria in atto, non ha sospeso le proprie attività e continua ad essere vicino alle donne vittime di violenza.

Nel rispetto dell’applicazione delle norme contenute nei decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri e di tutti gli altri provvedimenti adottati nel corso dell’emergenza epidemiologica Covid-19 le modalità del servizio saranno garantite attraverso il call center nazionale – numero 1522 –.

Le donne che hanno necessità di mettersi in contatto con le professioniste del Centro Antiviolenza del Comune di Chieti possono farlo:

 

- attraverso la pagina facebook del Centro Antiviolenza Alpha https://www.facebook.com/alpha.cooperativa.sociale/;

- inviando un messaggio su Messenger ad “Alpha Cooperativa Sociale”;

- inviando una email all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

- visitando il sito www.alpha.ch.it

Qualora si avvertisse una situazione di rischio per sé o i propri figli e il cellulare fosse controllato dal maltrattante, bisogna contattare le Forze dell’Ordine ai numeri telefonici di emergenza 112 e 113.

«La violenza domestica non è ‘un’emergenza nell’emergenza’ – specifica la presidente del Centro Antiviolenza Alpha, Di Loreto -  la violenza, purtroppo, è un fenomeno quotidiano e diffuso, ecco perché il nostro  servizio, nonostante il grande momento di difficoltà a causa della diffusione del Coronavirus, resta  attivo, come sempre, per le donne che ne hanno bisogno.

Chiamare il numero di emergenza è fondamentale anche per assumere semplici informazioni che possono salvare la vita, soprattutto per quelle donne che, costrette a rimanere nelle proprie abitazioni, vivono situazioni di maltrattamento da parte del partner o da parte di familiari.

Alcuni segnali che aiutano a comprendere meglio la situazione che si vive: se si viene minacciate di violenza o morte, se i figli vengono intimiditi, se il partner prende a calci o a pugni porte e finestre, beve, si droga, giustifica e minimizza la sua violenza, è possessivo o intensifica la sua collera  - spiega la Presidente Di Loreto – siamo in presenza di elementi molto preoccupanti ai quali bisogna prestare attenzione perché indicano situazioni di grave rischio di salute fisica e psichica che, di certo, non diminuiscono con la condizione di domicilio forzato di questi giorni».

La via d'uscita "spot contro violenza donne"