Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Gestione Emergenza Coronavirus: situazione costantemente monitorata sul territorio

Predisposte le azioni indicate nell’ordinanza del Presidente della Regione

 

“Dallo scorso giovedì 20 febbraio con il Direttore Generale della Asl Lanciano/Vasto/Chieti Thomas Schael e con la Protezione Civile Regionale stiamo monitorando costantemente la situazione sanitaria in città e in particolare nel territorio della Asl 02, al fine di gestire al meglio l’emergenza del Coronavirus”. Così il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, presidente del Comitato ristretto dei sindaci della Asl 02 e Vicepresidente Nazionale ANCI.

«Tre giorni fa si è svolta una riunione in Prefettura – spiega il Sindaco - mentre l’altro ieri pomeriggio c’è stato un incontro in Regione con il presidente Marco Marsilio, gli assessori regionali Nicoletta Verì e Guido Liris, i direttori delle Aziende Sanitarie e i sindaci dei quattro comitati abruzzesi delle Asl.

Nella serata di ieri 26 febbraio 2020, il Presidente della Regione Marco Marsilio, vista l’emergenza epidemiologica da COVID-19 (coronavirus), ha emesso l’ordinanza n. 1 del 2020 (pubblicata sul sito istituzionale della Regione e su quello del Comune di Chieti) contenente le misure che devono adottare e promuovere in materia di informazione e prevenzione, le pubbliche amministrazioni, gli incaricati di pubblico servizio, nonché le associazioni di categoria ed alle quali devono uniformarsi tutti quanti hanno a diverso titolo

responsabilità di luoghi aperti al pubblico.

In specie, al punto 3 dell’ordinanza: “Misure di informazione e prevenzione”, la stessa demanda ai sindaci e alle associazioni di categoria, di promuovere la diffusione delle informazioni sulle misure di prevenzione igienico sanitarie elencate nell’allegato 1 predisposto dalla task force comunicazione dell’Istituto Superiore di Sanità.

Ai punti 1, 2 e 4, vengono indicate le seguenti azioni da porre in essere: 1) “le scuole di ogni ordine e grado, le università, gli uffici delle restanti pubbliche amministrazioni devono esporre presso gli ambienti aperti al pubblico ovvero di maggiore affollamento e transito le informazioni sulle misure di prevenzione rese note dal Ministero della Salute”; 2) “nelle pubbliche amministrazioni e, in particolare, nelle aree di accesso a strutture del Servizio sanitario, nonché in tutti i locali aperti al pubblico, devono essere messe a disposizione degli addetti, nonché degli utenti e visitatori, soluzioni disinfettanti per il lavaggio delle mani”; 4) “le aziende di trasporto anche a lunga percorrenza devono adottare interventi straordinari di sanificazione dei mezzi”.

L’ordinanza indica inoltre le “Ulteriori misure per la profilassi ed il trattamento dei soggetti che hanno soggiornato nelle aree della Cina ovvero dei comuni italiani ove è stata dimostrata la trasmissione locale del virus” e dispone in merito al “Monitoraggio dell’isolamento”.

Le informazioni relative ad eventuali contagi – evidenzia il Sindaco - saranno date esclusivamente dalla Regione Abruzzo che è la massima autorità sanitaria regionale, il che vuol dire che i sindaci dovranno raccordarsi in caso di necessità direttamente con la struttura regionale.

Chi ha dubbi sul suo stato di salute non deve recarsi in ospedale, né dal proprio medico curante ma deve chiamare i seguenti numeri di emergenza a disposizione: 1500 (Numero Unico Ministero Della Salute) e 800860146 (ASL Lanciano Vasto Chieti). Saranno quindi gli operatori ad attivare le procedure per verificare se ci sia o meno contagio da Coronavirus.

Sono inutili le corse per l’acquisto di generi alimentari perché l’infezione non riguarda gli alimenti che saranno sempre reperibili nel sistema di distribuzione esistente».

Per evitare inutili protagonismi e scongiurare una pericolosa confusa comunicazione, il Sindaco Di Primio ha chiesto alla Associazioni di Categoria, alla Società Concessionaria del TPL, alla Tua Spa, al Rettore dell’Ud’A di Chieti-Pescara, al Presidente del Tribunale di Chieti, ai Responsabili degli Uffici Pubblici di Chieti (Agenzia delle Entrate, Inps, Inail, Ispettorato del Lavoro, Ordini Professionali, Uffici postali, etc), ai Responsabili dei Musei di Chieti, ai Dirigenti Scolastici, al Presidente della Provincia, al Vescovo Metropolita di Chieti-Vasto, al Presidente della CCIAA Chieti-Pescara, al Presidente della Deputazione del Teatro Marrucino, all’AU della Teateservizi Srl, al Presidente del C.d.A di Chieti Solidale di informare il Comune in merito alle iniziative assunte in conseguenza della ordinanza regionale o le attività di sospensione che fossero adottate.

Il Sindaco Di Primio, per parte sua, ha dato disposizione ai dirigenti comunali di adeguarsi immediatamente all’ordinanza del Presidente Marsilio.

La via d'uscita "spot contro violenza donne"