Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Il Comune di Chieti si collega al Sistema dell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente: la banca dati nazionale che semplificherà le operazioni anagrafiche

 Venerdì 10 gennaio 2020, causa operazioni tecniche, gli Sportelli Anagrafe del Comune di Chieti non potranno garantire operazioni al pubblico

 

L’Assessore all’Anagrafe e Stato Civile, Carla Di Biase, rende noto che dal 13 gennaio 2020 il Comune di Chieti verrà collegato al sistema ANPR/Anagrafe Nazionale Popolazione Residente  istituito dal Ministero dell’Interno ai sensi dell’articolo 62 del Dlgs n. 82/2005 (Codice dell’Amministrazione Digitale).

L’Anagrafe Nazionale Popolazione Residente, vera e propria banca dati nazionale nella quale confluiranno progressivamente le anagrafi comunali, consentirà ai Comuni di svolgere i servizi anagrafici ma anche la consultazione e il monitoraggio delle attività e l’effettuazione di statistiche e soprattutto eviterà duplicazioni di comunicazione con le Pubbliche Amministrazioni e la semplificazione delle operazioni di cambio di residenza, emigrazioni, immigrazioni e censimenti.

 

«L’Amministrazione Di Primio – ha commentato l’Assessore Di Biase – sta lavorando da tempo a questo progetto nazionale che letteralmente trasformerà e aprirà a nuovi scenari digitali i servizi pubblici. Per permettere il collegamento al servizio nazionale, affidato alla società informatica Municipia, il Comune ha implementato il nuovo sistema informatico per trasferire tutti i dati dal sistema locale a quello nazionale.

Ai fini della corretta riuscita dell’operazione e della messa in atto di tutti gli interventi necessari evidenzia l’Assessore - venerdì 10 gennaio 2020 gli sportelli Anagrafe del Comune rimarranno chiusi al pubblico. Saranno assicurati, per i soli casi d’urgenza, il rilascio di certificati cartacei che non prevedono l’utilizzo della strumentazione informatica. 

Scusandoci per il disagio, ribadiamo l'importanza di tale operazione che consegnerà a tutti i cittadini un servizio sempre più efficiente ed efficace». 

La via d'uscita "spot contro violenza donne"