Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Grandi Opere Sviluppo Urbano Sostenibile: al via la procedura per affidare la pista ciclopedonale di Chieti Scalo

L’Assessore ai Lavori Pubblici, Raffaele Di Felice, comunica che, a seguito dell’approvazione di tutte le progettazioni tecniche, l’Ufficio Lavori Pubblici del Comune ha avviato la procedura negoziata previa manifestazione di interesse riguardante la realizzazione dei lavori della pista ciclopedonale di Chieti Scalo.

La consegna degli interventi avverrà con il criterio dell’offerta economicamente più bassa.

Gli interventi, che rientrano nelle progettazioni per lo Sviluppo Urbano Sostenibile, opere importanti che l’Amministrazione del Sindaco Di Primio ha visto finanziarsi per una quota complessiva di oltre 6 milioni di euro grazie alla partecipazione al bando POR FESR Abruzzo 2014-2020, hanno un valore economico pari a 356.500,00 euro.

All’ingegnere Alessandra Schiappa è stata affidata la progettazione definitiva ed esecutiva e la direzione dei lavori. Il Responsabile Unico del Procedimento è il geometra Raimondo Censurato.

«Il miglioramento della qualità della vita in città e la promozione di nuovi stili di vita più salutari – commenta il Sindaco Umberto Di Primio - passa anche attraverso l’uso delle due ruote.

Al fine di promuovere la mobilità sostenibile, alleggerire il problema dei parcheggi cittadini e perseguire programmi “green” a Chieti, stiamo portando a

bando i numerosi progetti legati all’ecosostenibilità e alle smart city. La pista ciclopedonale, insieme ai progetti “running–city”, bike-sharing, car sharing e all’ampliamento della filovia, ha proprio l’obiettivo di migliorare la qualità della vita e il contesto territoriale, puntando alla riduzione del traffico, delle polveri sottili e dell’inquinamento acustico. È uno strumento per invogliare la cittadinanza ad usufruire i mezzi sostenibili in sicurezza, compensando e supportando il servizio di trasporto pubblico locale.

Il progetto della pista ciclopedonale di Chieti Scalo, perseguito da tempo - evidenzia il Sindaco - ha coinvolto numerosissime associazioni e vede, in 4 km, collegare in modo ciclabile via Amiterno (Stadio Angelini) al Campus Universitario. È sicuramente un importante tassello rientrante nel progetto globale di quella green city che abbiamo immaginato e progettato in questi anni e che ci ha consentito di essere tra le prime dieci città italiane per progettazione ambientale».

«La pista ciclo-pedonale - spiega l’Assessore Raffaele Di Felice - avrà un percorso di 4 km e collegherà i più importanti centri sportivi, le scuole di ogni ordine e grado, l’Ufficio Postale, le Chiese e i Centri sociali. In particolare, dallo Stadio Angelini proseguirà in via Amiterno (fiancheggiando Scuola dell’Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di I grado e Chiesa), via Sulmona, via Caduti Sul Lavoro, via Bellini (mercato coperto), via Colonnetta (vicino Scuola Secondaria di II Grado) via Fratelli Palizzi, per poi confluire in via Pescara (nei pressi dell’edificio delle Poste Italiane, dello Stadio del Nuoto, della Scuola dell’Infanzia, della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di I Grado, della Chiesa, del Bocciodromo e Campo sportivo, della palestra CUS e del Campus Universitario), via Teramo, passando per piazza S. Pio X e via Bosio (Scuola dell’Infanzia).

Essa sarà realizzata, dove possibile, a doppio senso di marcia in asfalto colorato rosso con segnaletica orizzontale, altrimenti a senso unico di larghezza in asfalto colorato rosso con segnaletica orizzontale bianca e gialla con sopra installati occhi di gatto riflettenti, in modo da separare ed evidenziare le carreggiate presenti. In alcuni tratti la pista sarà ricavata da un lato della carreggiata stradale, garantendo il doppio senso di marcia, e in altri brevi tratti su ampi marciapiedi. Parallelamente alla pista ciclabile con sede propria sarà assegnato anche il percorso runner con segnaletica orizzontale e verticale ai fini della sicurezza.

Lungo il percorso saranno predisposte diverse rastrelliere porta bici per la sosta delle biciclette – conclude l’Assessore – e al fine di garantire la sicurezza dei fruitori sarà potenziata su alcuni tratti anche la rete di pubblica illuminazione. La viabilità attuale subirà piccole variazioni con la soppressione di doppi sensi di circolazione in alcuni tratti di strada in cui non è possibile garantire la sicurezza stradale. 

La via d'uscita "spot contro violenza donne"