Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Lavori Pubblici – Grandi Opere: riqualificazione e potenziamento parcheggi Terminal bus di piazza Falcone e Borsellino

Riqualificazione sistema di collegamento pedonale con il centro storico

 

L’Assessore ai Lavori Pubblici, Raffaele Di Felice, comunica che, a seguito dell’approvazione della progettazione esecutiva, l’Ufficio Tecnico del Comune sta procedendo alla pubblicazione del bando di gara riguardante l’affidamento dei lavori di riqualificazione e potenziamento dei parcheggi pubblici del terminal di piazza Falcone e Borsellino e del sistema di collegamento pedonale (scala mobile) terminal bus/centro storico. La consegna degli interventi avverrà tramite procedura aperta e con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo.

«A seguito dell’apertura del bando di gara e la verifica delle offerte provenienti dalle ditte – spiega l’Assessore Di Felice – la commissione preposta esaminerà i requisiti tecnici ed economici e procederà all’aggiudicazione dei lavori fortemente voluti dall’Amministrazione del Sindaco Di Primio. Gli interventi, per un valore economico di 5.226.028,00 euro, sono finanziati grazie alle risorse che il Comune di Chieti si è aggiudicato tramite la partecipazione al bando di finanziamento straordinario per la riqualificazione urbana dei comuni capoluoghi di provincia (Bando Periferie) e alla Convenzione stipulata tra il Sindaco Di Primio e la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

I finanziamenti complessivi richiesti dal Comune di Chieti per il progetto ‘Riqualific@teate’ riguardano, in particolare:

il raddoppio del parcheggio del Terminal Bus, lo smantellamento della scala mobile e il suo rifacimento, la riqualificazione architettonica di Piazza San Giustino, il potenziamento dei posti auto nella Caserma Berardi, la costruzione di una palestra didattica e di un orto botanico nell’area della ex scuola Vicentini, inagibile dopo il sisma del 2009, per un valore complessivo di 11.172.890 euro. 

Il parcheggio di piazza Falcone e Borsellino – evidenzia l’Assessore Di Felice - già area di sosta con un sistema di 120 posti auto al di sotto del capolinea dei bus sarà potenziato grazie allo sfruttamento della superficie sottostante. Nella parte superiore sarà prevista: la riqualificazione ambientale, paesaggistica e funzionale della struttura anche grazie alla sistemazione dell’area a verde; lo smantellamento della scala mobile e il suo completo rifacimento, in grado di raddoppiare l’offerta di collegamento con il centro storico grazie anche alla presenza del tunnel/ascensore di Largo Barbella/piazzale Terminal bus. Proprio quest’ultimo, poi, a seguito dell’accordo con la Società Unica di Trasporto Abruzzese, stazione appaltante dei lavori, sarà riqualificato con un intervento strategico finanziato nell’ambito dei lavori di ammodernamento del sistema regionale delle autostazioni e del servizio del TPL. L’intervento complessivo su piazza Falcone e Borsellino – conclude l’Assessore - potrà dirsi ancor più completo con la costruzione della stazione funiviaria che vedrà proprio nella piazza a ridosso del centro storico il terminal di collegamento tra il campus universitario/Ospedale Clinicizzato e la parte alta della città».  

«Dopo l’approvazione delle progettazioni tecniche - commenta il Sindaco Umberto Di Primio - partono gli appalti dei lavori che l’amministrazione di centrodestra, in dieci anni, è stata capace di programmare per la città. Investimenti milionari che nessuna amministrazione comunale, negli ultimi 40 anni, era mai riuscita ad ottenere. Con il raddoppio degli stalli di sosta al parcheggio di piazza Falcone e Borsellino, finalmente Chieti avrà i posti auto che tanto attende in centro storico: lavori che si realizzeranno grazie all’ottenimento dei fondi ministeriali per la riqualificazione urbana dei comuni capoluoghi di provincia su cui Anci ha lavorato in sinergia col Governo fin dal primo momento e all’accordo nazionale della stessa Associazione Nazionale Comuni Italiani e Cassa Depositi e Prestiti in base al quale il Comune di Chieti, con i requisiti di bancabilità, ha ricevuto delle risorse per effettuare l’investimento che recupererà quando gli verrà erogato l’incentivo alla fine dei lavori. Gli interventi, oltre a rappresentare una opportunità per la Chieti del futuro, andranno a ‘mettersi a sistema’ con i progetti pubblici di recupero già esistenti per il territorio.

Il Responsabile Unico del Procedimento è l’architetto Nino Colacito.

La via d'uscita "spot contro violenza donne"