Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Sanità: il Comitato ristretto dei Sindaci della Asl 02 presieduto da Umberto Di Primio incontra l’Assessore regionale Nicoletta Verì

DEA di II livello Chieti e Pescara; edilizia ospedaliera e project financing di Chieti; rivisitazione della struttura amministrativa della Asl Lanciano-Vasto-Chieti.  

Questi gli argomenti trattati nel corso del recente incontro del Comitato Ristretto dei Sindaci della Asl, presieduto dal Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, con il neo Assessore regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, svoltosi alla presenza del Direttore generale facente funzioni della Asl, Giulietta Capocasa.

 

L’Assessore Verì, dopo l’intervento del Sindaco Di Primio, il quale ha posto l’accento sui temi che il comitato ritiene più stringenti quali il DEA di II livello di Chieti e Pescara, la realizzazione dei nuovi nosocomi di Lanciano e Vasto e il project financing dell’ospedale di Chieti, ha comunicato che è sua volontà lavorare in tal senso perché si prosegua il percorso già avviato del DEA funzionale di II livello riconoscendo l’importanza della Cardiochirurgia del capoluogo teatino e di volersi occupare anche delle istanze provenienti da Lanciano e da Vasto per quanto riguarda i nuovi ospedali.

Sempre tenendo ben presenti le aspettative di salute dei cittadini e le esigenze del territorio, l’Assessore ha, inoltre, annunciato di voler procedere ad una riorganizzazione della struttura amministrativa della Asl 02 affiancando alle direzioni generali figure che siano di pronto e reale collegamento con il territorio.

E’ stata, infine, confermata l’attenzione per gli ospedali di Ortona, che dovrà essere potenziato sotto il profilo della Chirurgia, di Guardiagrele, Gissi e Casoli, nonché per quello di Atessa come presidio di area disagiata.

 

 

La via d'uscita "spot contro violenza donne"