Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Progetto “Vita Indipendente”: Entro il 31 gennaio la presentazione delle domande per accedere ai finanziamenti

L’Assessore alle Politiche Sociali, Emilia De Matteo, ricorda che la Regione Abruzzo, con Legge Regionale n. 57/2012 “Interventi regionali per la vita indipendente”, intende garantire l’azione sociale del progetto “Vita indipendente”, modalità di servizio a favore della domiciliarità e del raggiungimento della autonomia personale, attraverso un sostegno economico per l’assistenza personale che verrà determinato in base al livello di intensità assistenziale stabilito dalla Unità di Valutazione Multidimensionale della Asl competente.

Il progetto è rivolto esclusivamente alle persone di età compresa tra i 18 e i  67 anni con disabilità in situazioni di gravità, come individuate ai sensi dell’art. 2 della L.R. 23 novembre 2012, n. 57, con un reddito ISEE non superiore a 20.000 Euro.

 

La persona con disabilità sceglie autonomamente il proprio assistente personale, che può essere anche un familiare, ed è tenuta a regolarizzare il rapporto di lavoro nel rispetto delle forme contrattuali previste dalla normativa vigente.

Il modulo di domanda è disponibile sul sito www.osr.regione.abruzzo.it e/o presso il Segretariato Sociale - palazzo ex Inps – Viale Amendola – dalle ore 9.00 alle 13.00 (martedì e giovedì anche dalle 15.00 alle 17.00) e alla Delegazione di Chieti Scalo, piazza Carafa, nei giorni di mercoledì dalle ore 9.00 alle 13.00 e giovedì dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00

Le domande per accedere al finanziamento di progetti annuali in relazione alle linee guida regionali e alla delibera di giunta regionale n. 759 del 15 dicembre 2017 vanno presentate entro il 31 gennaio 2019 all’Ufficio Protocollo del Comune di Chieti – ex Banca d’Italia – Corso Marrucino 81 per essere poi inviate in Regione per la definitiva approvazione.

La via d'uscita "spot contro violenza donne"