Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Completati gli scavi archeologici in piazza S. Giustino

Assessore Di Felice: “Rendere fruibili gli ambienti ipogei scoperti che andranno ad arricchire il progetto di riqualificazione della piazza”

L’Assessore ai Lavori Pubblici, Raffaele Di Felice, questa mattina ha effettuato un sopralluogo definitivo in piazza S. Giustino a conclusione degli scavi preventivi richiesti dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio d’Abruzzo incontrando la dott.ssa Rosanna Tuteri, responsabile del settore Archeologia della Soprintendenza, l’arch. Gianfranco Scatigna, progettista incaricato dal Comune di Chieti, insieme all’arch. Augusto Capone, dei lavori di riqualificazione della piazza nell’ambito del Bando Periferie, nonché gli archeologi Sabatino Letta, Paola Riccitelli e Maria Di Iorio, queste ultime incaricate dal Comune di Chieti di effettuare gli scavi.

 

Su richiesta della Soprintendenza, lo scavo prospiciente il Palazzo di Giustizia verrà, al momento, protetto con una membrana di “tessuto non tessuto” prima di procedere alla ricopertura.

Quanto all’area a ridosso della cripta della cattedrale, dove è stata rinvenuta una cisterna presumibilmente ottocentesca, è intenzione dell’Amministrazione Comunale procedere al suo recupero per renderla attrattiva da un punto di vista turistico culturale e inserirla nel progetto di riqualificazione della piazza.

«In queste settimane – afferma l’Assessore Di Felice - sono state effettuate tutte le indagini preventive richieste dalla  Soprintendenza. Nel progetto di recupero della piazza è nostra intenzione inserire la valorizzazione degli ambienti ipogei rinvenuti, dando mandato, in tal senso, ai tecnici di renderli accessibili al pubblico. L’obiettivo è, altresì, quello di ritrovare e mettere in luce il mosaico presumibilmente di epoca romana la cui presenza è stata segnalata dai georadar durante i rilievi effettuati nei mesi scorsi. Saranno, questi, ulteriori elementi di attrattività di Chieti, che, fin dall’antichità, è stata riconosciuta come città ricca d’acqua grazie alle sue tante cisterne, le terme romane e  le sue fonti. Nostro intento è, dunque, quello di immaginare un possibile percorso nella “città dell’acqua” mettendo in rete la Chieti sotterranea».

La via d'uscita "spot contro violenza donne"