Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Il Sindaco Di Primio diffida il Consorzio per lo Sviluppo Industriale Chieti-Pescara

“Mettete in sicurezza il cavalcavia di via Fiume”

 

 Il Comune di Chieti diffida il Consorzio Industriale Asi Valpescara a mettere in sicurezza il cavalcavia di via del Fiume.

Lo ha annunciato il Sindaco, Umberto Di Primio, lasciando la riunione convocata questa mattina presso la Prefettura per esaminare la situazione del manufatto che attraversa l’asse attrezzato Chieti-Pescara in località Selvaiezzi.

 

Attualmente il cavalcavia è chiuso al traffico in virtù di ordinanze emesse dal Sindaco Di Primio ma viene comunque utilizzato per necessità sanitarie da un unico nucleo familiare che risiede al di là del ponte.

«Il Consorzio è l’ente proprietario del manufatto – aggiunge il Sindaco - e, in quanto tale, deve provvedere alla sua manutenzione per garantire che l’infrastruttura non arrechi danni né alla famiglia che deve attraversarlo per recarsi nella propria abitazione, nè alle migliaia di persone che, quotidianamente, usufruiscono dell’asse attrezzato. E’, dunque, necessario che il Consorzio intervenga celermente. Non è più tollerabile che il Commissario D’Angelo, chiamato a gestire l’ente, si trinceri dietro il fatto che il Consorzio sia in liquidazione. Se non ha fondi, interpelli la Regione e chieda al Presidente i finanziamenti necessari ma è arrivato il momento di dare soluzione ad un problema ormai vecchio di anni. Per tale motivo, ho lasciato la riunione che il Prefetto ha voluto così tempestivamente convocare per predisporre la diffida al Consorzio affinché, in tempi brevissimi, si adoperi per mettere in sicurezza il cavalcavia. Se non dovesse farlo, si paventa una decisione drastica e molto pesante per il nostro territorio: la richiesta all’ANAS di chiudere l’asse attrezzato».                                                                                         

 

La via d'uscita "spot contro violenza donne"