Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA COME DISCIPLINA SCOLASTICA IN TUTTE LE SCUOLE: PARTE A CHIETI LA RACCOLTA FIRME

È partita a Chieti la raccolta firme per chiedere l’introduzione dell’educazione alla cittadinanza come materia curricolare nelle scuole di ogni ordine e grado.

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, Vicepresidente Nazionale Anci e promotore con una delegazione di sindaci dell’importante proposta di legge depositata in Corte di Cassazione il 14 giugno, questa mattina, con il Presidente del Consiglio Comunale, Liberato Aceto, il Vicesindaco e Assessore alla Pubblica Istruzione, Giuseppe Giampietro, i componenti della Giunta e i consiglieri comunali, sul centralissimo Corso Marrucino, ha dato il via alla raccolta firme a sostegno della proposta di iniziativa popolare.

 

«Chieti c'è, siamo pronti a raccogliere le firme per sostenere la proposta di legge che l'Anci ha voluto con forza perché sia reintrodotta nelle scuole l'educazione civica/educazione alla cittadinanza come materia curricolare – ha commentato il Sindaco Di Primio –. L’obiettivo è formare cittadini consapevoli, far studiare la Costituzione, introdurre gli elementi di diritto ambientale e alla digitalizzazione. Ci adopereremo per raccogliere le firme, contribuendo, anche noi, al raggiungimento delle 50.000 sottoscrizioni per il deposito della proposta di legge in Parlamento. Il Comune di Chieti già da anni porta avanti importanti iniziative coinvolgendo i nostri giovani studenti, ne è esempio il Consiglio Comunale delle Ragazze e dei Ragazzi che, nel corso di tutto l’anno, con straordinaria partecipazione ed entusiasmo si impegna a promuovere progetti e occasioni formative per favorire la partecipazione dei più giovani alla vita della comunità».

 

 

La via d'uscita "spot contro violenza donne"