Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Tutto l’Abruzzo sostenga con forza la candidatura di L’Aquila alle Olimpiadi invernali del 2026 avanzata dall’On. Antonio Martino

“Sosteniamo con forza la richiesta avanzata dall’On. Antonio Martino di candidare L’Aquila e l’Abruzzo alle Olimpiadi invernali del 2026. I nostri comprensori sciistici, per altro già testati in manifestazioni internazionali, gli adeguamenti che saranno eseguiti e la capacità di accoglienza delle nostre genti sono garanzia di successo di un prestigioso evento mondiale”. È il commento del Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, alla proposta dell’On. Martino inviata al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti.

 

«La forza della candidatura di L’Aquila – prosegue il Sindaco Di Primiorisiede nel grande senso simbolico che la stessa esprime. La nostra città capoluogo, con la sua ricostruzione, è infatti laboratorio ed esempio per l’intero mondo. Il recupero della città – evidenzia il Sindaco - non può che trovare nell’assegnazione delle Olimpiadi un suggello alla capacità e alla tenacia mostrata dopo il drammatico sisma del 2009.

Le altre candidate italiane – Torino, Cortina, Milano - sono di indubbio valore ma L’Aquila e l’Abruzzo hanno tutte le carte in regole per competere ad armi pari. La candidatura del nostro capoluogo, infatti, si inserisce nel solco di quanto sottolineato dal Sottosegretario ovvero scelte condivise e contenimento dei costi. In più, e per questo ringrazio l’On. Martino per aver avanzato tale richiesta al Governo – continua il Sindaco - l’eventuale scelta del capoluogo abruzzese sarebbe anche l’ulteriore riconoscimento per chi, in questi anni, ha continuato a combattere quotidianamente per la rinascita della città. A differenza di altri sono certo che il Comune di L’Aquila e la stessa regione non avranno timori a lanciare la sfida alle altre concorrenti e a spendersi con ogni mezzo per ottenere il riconoscimento del Coni e del Governo».

La via d'uscita "spot contro violenza donne"