Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

CHIETI CITTÀ APERTA Inaugurazione della Mostra documentaria a Palazzo De Mayo

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, comunica che domani, martedì 10 luglio 2018, alle ore 19.30, presso Palazzo De Mayo, verrà inaugurata la Mostra documentaria “Chieti 1943-1944. La Guerra, l’occupazione, lo sfollamento” a cura dell'Archivio di Stato, dell’Archivio Storico comunale in collaborazione con la Pro Loco Chieti Accademia Tegea.

La Mostra viene allestita in occasione dell’evento celebrativo che avrà luogo giovedì 12 luglio alle ore 17.30, presso il Teatro Marrucino, quando alla città di Chieti verrà ufficialmente consegnata la Medaglia d’Oro al Merito Civile per le vicende verificatisi nel 1944 quando, in un momento così tragico per l’intera umanità, Chieti fu dichiarata “Città Aperta”, al pari di Atene, Belgrado, Bruxelles, Manila, Parigi, Roma, Firenze. In mostra preziosi documenti dell’epoca che ricostruiscono gli eventi dell’epoca quando, nei mesi cruciali per le sorti dell'Italia, dalla fine del 1943 all'estate del 1944, la città di Chieti dovette assistere all'occupazione militare tedesca, al passaggio del fronte provvedendo alla sistemazione degli sfollati provenienti dai territori interessati dalle operazioni militari. Il vescovo di Chieti, monsignor Giuseppe Venturi, si prodigò con le autorità civili e militari per mitigare la durezza delle condizioni della popolazione.

 

L'Archivio di Stato di Chieti conserva la documentazione prodotta negli anni da tutti gli uffici pubblici insediati in città, testimonianza del ruolo amministrativo, sociale, economico e culturale di Chieti, sede di magistrature che estendevano la propria giurisdizione nell'intera regione, superando la ripartizione amministrativa provinciale. Alla sala di studio accedono oggi persone che intendono soddisfare, attraverso gli archivi, esigenze di conoscenza del passato.

La via d'uscita "spot contro violenza donne"