Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Hidejiro Honjo al Teatro Marrucino

Il musicista nipponico, delegato culturale dell’Agenzia per gli Affari Culturali Giapponesi, si esibirà con il Quartetto d’Archi dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese

 Il concerto organizzato dall’Ambasciata del Giappone per suggellare il Patto di Amicizia tra le città di Chieti e di Minamishimabara

Il Teatro Marrucino si prepara ad ospitare  un evento di grande rilevanza artistica. Martedì 15 maggio 2018, alle 20.30, il musicista giapponese Hidejiro Honjo, terrà un concerto per “shamisen”, tradizionale strumento giapponese a tre corde,  “Suoni e legami senza tempo”, con il quartetto d’archi dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese (Antonio Scolletta e Maddalena Pippa, violini; Luigi Gagliano, viola; Maria Miele, violoncello).

Il concerto (ingresso libero) viene organizzato dall’Ambasciata Giapponese in Italia e dal Comune di Chieti per suggellare il Patto di Amicizia sottoscritto dalle città di Chieti e di Minamishimabara, nella Prefettura di Nagasaki, che ha visto l’instaurarsi di relazioni stabili e durature tra le due amministrazioni.

 

Sarà presente a Chieti, in occasione dell’evento, la responsabile culturale dell’Ambasciata giapponese in Italia, Kanae Seino. 

 

Hidejiro Honjo

Nato nel 1984, studia presso l’Università di Tokio, di cui è attualmente docente, e presso l’Istituto di Musica Tradizionale Giapponese. Dedito dall’età di 15 anni allo shamisen, è  anche compositore. Ha al suo attivo numerose collaborazioni con artisti del calibro di Ryuichui Sakamoto e Dai Fujikura nonché con formazioni quali la Tokio City Philarmonic Orchestra  e la Japan Philarmonic Orchestra.

Noto anche all’estero, è stato inserito nella Britannica International Encyclopedia 2015 e ha partecipato a un programma di perfezionamento negli Stati Uniti.

 

La via d'uscita "spot contro violenza donne"