Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

CHIETI SOLIDALE Trasformazione dell’azienda da multiservizi in Srl

Potenziamento dei servizi e miglioramento delle performance grazie a una maggiore snellezza operativa

 

“L’approvazione da parte della giunta municipale dello schema di delibera funzionale alla trasformazione dell’Azienda Speciale Chieti Solidale in società a responsabilità limitata “Chieti Solidale” è solo l’avvio di una procedura complessa e articolata, peraltro più volte preannunciata, di razionalizzazione delle partecipate”.  Lo evidenzia l’Assessore alle Finanze e Società Partecipate, Valentina Luise.

 

«Lo scorso 23 marzo – aggiunge l’Assessore Luise - la Giunta ha approvato lo schema di delibera da sottoporre al Consiglio Comunale, previa consultazione pubblica come previsto dalle vigenti norme, che prevede, per ora, la sola trasformazione dell’azienda speciale in società di capitale. Dopo aver espletato le attività di indagine, come previsto dall’articolo 5 comma 3 del Testo Unico delle società partecipate D.Lgs 175 del 2016, lo schema di delibera sarà sottoposto al Collegio dei Revisori dei Conti per poi approdare in Consiglio Comunale. Pertanto – prosegue l’Assessore - non vi sarà alcuna limitazione alle prerogative dell’assise civica che affronterà la materia nelle apposite commissioni prima che il provvedimento approdi in aula.

La necessità di rivedere e razionalizzare l’organizzazione degli enti strumentali e delle società partecipate era già stata richiamata nella delibera del consiglio comunale 316 del 29 settembre scorso di revisione straordinaria delle partecipazioni.

La nuova forma giuridica potrà consentire di ottenere un miglioramento delle performance aziendali e un potenziamento dei servizi affidati grazie ad una maggiore snellezza operativa e ad una maggiore flessibilità organizzativa. L’apertura nei confronti del mercato, inoltre, potrà anche consentire di generare nuovi posti di lavoro.

I rapporti giuridici in essere, in ogni caso, e in particolare i rapporti di lavoro in essere, a seguito della trasformazione – conclude l’Assessore - proseguiranno con il nuovo soggetto giuridico derivante dall’operazione straordinaria».

La via d'uscita "spot contro violenza donne"