Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Variante specifica al Prg

Assessore Colantonio “La sua adozione riveste una grande valenza economica e sociale per l’intero territorio”

 “Nell’odierna seduta del Consiglio Comunale, con 17 voti favorevoli della Maggioranza e  5 contrari (M5Stelle, Chieti per Chieti, Centro Democratico), è stata approvata la terza Variante specifica al Prg vigente di grande valenza economica e sociale”.  Lo rende noto l’Assessore all’Urbanistica, Mario Colantonio.

 

«Sino ad oggi erano state trattate variazioni di retrocessione di terreni cosiddetti edificabili ma difficilmente utilizzabili all’interno di numerosi comparti creatisi con il Piano dei Servizi – spiega l’Assessore Colantonio - Ora, invece, vengono approvate 22 schede proposte da: cittadini, imprenditoria locale, Regione Abruzzo e dallo stesso Ufficio Urbanistico finalizzate al miglioramento funzionale di diverse aree del territorio comunale e a beneficio di limitate superfici che consentono un rilancio economico dell’intero comparto edilizio. Le specifiche varianti, in fatti, riguardano prevalentemente attività edilizie di carattere residenziale che denotato un rinnovato interesse per la realizzazione di civili abitazioni richieste dal mercato. La Variante, inoltre, permetterà di completare razionalmente numerose aree inattuate di coronamento al nucleo denominato Villaggio Mediterraneo che negli anni non erano state concretizzate. Verranno completati e posti in proprietà al Comune di Chieti piccoli tratti stradali, che attualmente appartengono a imprenditori privati, nelle vicinanze di Piazza Roccaraso e via Campobasso che permetteranno di chiudere positivamente infrastrutture comunali importanti.

Tra le varianti, inoltre, vi è una proposta di progettazione specifica sull’area ex Dangiò riguardante la demolizione e la ricostruzione dell’edificio ormai fatiscente per la realizzazione di una residenza per anziani. Tra le varianti specifiche adottate, anche il recepimento della individuazione cartografica delle “vasche di laminazione” del fiume Pescara incluse nel progetto della Regione Abruzzo volto alla prevenzione del rischio esondazioni, per il quale sono in corso le approvazioni delle progettazioni esecutive e che interessano i territori di Manoppello, Rosciano, Chieti, Cepagatti.

Esprimo soddisfazione – conclude l’Assessore Colantonioper un atto ampiamente discusso in Commissione Urbanistica e che ha visto la positiva condivisione della gran parte del Consiglio Comunale. Rivolgo un ringraziamento all’Ufficio e ai funzionari istruttori delle pratiche. Entro 45 giorni successivi alla pubblicazione sul Bura, sarà possibile presentare eventuali ricorsi esaminati i quali si procederà all’approvazione definitiva della Variante».

La via d'uscita "spot contro violenza donne"