Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Lotta all’evasione: accertamenti sui passi carrabili

Assessore Colantonio: “Da giugno operativa una task force per rilevare le irregolarità”

 “L’Amministrazione Comunale tre anni fa ha definito il regolamento istitutivo dei passi carrabili e della relativa tassa dovuta. Si è rilevato, però, che anche in quest’obbligo vi è un indiscriminato disinteresse da cui scaturisce la conseguente evasione o elusione della tassa dovuta”.

E’ quanto sottolinea l’Assessore al Traffico e Viabilità, Mario Colantonio.

 

«Rammento che il codice della strada permette il divieto assoluto di parcheggiare o sostare di fronte ad un passo carrabile regolarmente autorizzato – aggiunge l’Assessore Colantonio -.  Chi beneficia del passo carrabile di fatto elimina potenzialmente un posto auto a beneficio della cittadinanza. In molti casi, inoltre, nell’effettuare un’opera pubblica, gli stessi marciapiedi vengono adeguati alla esistenza di un passo carrabile che deve essere regolarmente accessibile con maggiori costi realizzativi.

E’, pertanto, necessario avviare una serrata attività di controllo anche su questa fascia evasiva. Già a partire dal mese di giugno sarà operativa una task force costituita da Ufficio Traffico e Polizia Municipale coordinata dalla comandante Donatella Di Giovanni che rileverà tutti i passi carrabili sprovvisti di permesso nonché di idonea segnaletica.

E’ opportuno informare la cittadinanza interessata – conclude l’Assessore Colantonio - che è possibile mettersi in regola recandosi presso gli uffici della Polizia Municipale formalizzando la regolare domanda di richiesta di passo carrabile per la quale verrà emesso, successivamente alla regolarizzazione, un ruolo di pagamento annuale dovuto al Comune di Chieti tramite l’ufficio di riscossione attualmente affidato alla Teateservizi.

I soggetti evasori che verranno rilevati successivamente all’attività di controllo verranno sottoposti ad un recupero coattivo dei tributi dovuti a far data dalla istituzione della relativa tassa».

 

La via d'uscita "spot contro violenza donne"