Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Sicurezza Scuola Corradi: l’edificio non presenta pericoli strutturali - Assessore Di Felice “Allarmismo infondato”

“La preoccupazione di alcuni genitori della scuola Corradi in merito al pericolo strutturale dei solai dell’istituto è assolutamente ingiustificata”. È la risposta dell’Assessore ai Lavori Pubblici, Raffaele Di Felice, e della dirigente dell’Istituto Comprensivo n. 2, Giovanna Santini, alle dichiarazioni riportate in un articolo del quotidiano Il Centro in data odierna.

«Numerosi sono i sopralluoghi effettuati nella scuola sia da parte dei tecnici comunali che dei due responsabili della sicurezza del Comprensivo, nonché, su richiesta degli stessi genitori, dei vigili del fuoco – specificano l’Assessore Di Felice e la dirigente Santiniall’esito dei quali è da escludere categoricamente la mancanza di sicurezza o di stabilità dell’edificio a seguito delle infiltrazioni. Non sussiste, infatti, né alcuna problematica che precluda la permanenza dei bambini all’interno delle classi né alcuna situazione di pericolo per l’incolumità personale.

 

Quanto alla presenza di alcuni solai scrostati – fa sapere l’Assessore Di Felice – mi preme rassicurare i genitori sul fatto che tale fenomeno è riconducibile alla fioritura della pellicola superficiale della vernice delle pareti che a seguito di alcune infiltrazioni o perdite d’acqua sulla guaina di copertura tende a sollevarsi e a staccarsi.

Gli interventi sulle scuole cittadine – prosegue l’Assessore - come comunicato più volte stanno proseguendo secondo un preciso crono programma stilato con l’Ufficio tecnico. Sia l’Assessorato ai Lavori Pubblici che quello alla Pubblica Istruzione non si sono mai tirati indietro per un confronto o un chiarimento. L’attenzione al riguardo, infatti, è massima così come la collaborazione con le dirigenze scolastiche». 

La via d'uscita "spot contro violenza donne"