Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

DIVIETO DI UTILIZZARE PETARDI E BOTTI

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, con l’approssimarsi delle festività natalizie, ricorda che, su tutto il territorio comunalevige il Regolamento per il divieto di utilizzo di petardi e botti di ogni genere, approvato dal Consiglio Comunale il 18 dicembre del 2013 su iniziativa del Consigliere Comunale, Marco Di Paolo.

«Al fine di tutelare la sicurezza urbana, in particolare dei più piccoli e degli animali domestici – ha affermato il Sindaco – ricordo che sul territorio del Comune di Chieti vige il divieto di utilizzare botti e petardi in virtù del regolamento comunale approvato grazie all’iniziativa del Consigliere Comunale Marco Di Paolo. Il regolamento disciplina in modo stringente l’uso di materiale esplodente, lasciando la possibilità di usare solo fuochi d’artificio professionali purché figurativi».

 

«Grazie a tale Regolamento – ha aggiunto il Consigliere Comunale Marco Di Paolo - che pone la nostra città tra le prime ad aver disciplinato definitivamente la materia senza dover ricorrere a ordinanze con limiti temporali, Chieti ha ottenuto due importanti riconoscimenti nazionali da parte dell'ANCI e della Federazione Italiana Cinofili. Con l’adozione del Regolamento per il divieto di botti e petardi si è compiuto un gesto di grande cultura, lanciando un segnale soprattutto nei confronti delle nuove generazioni, nonché di rispetto verso il prossimo, in particolare di anziani e bambini molto piccoli. E’, inoltre, scientificamente provato l’effetto pericoloso di botti e petardi sulla salute dei nostri amici a quattro zampe tanto che l’iniziativa è stata seguita anche da molti altri Comuni».

Sul territorio comunale è fatto divieto di esplodere botti di qualsiasi tipo (ad eccezione dei fuochi pirotecnici figurativi che si avvalgono di una tecnologia che evita il rumore) in tutti i luoghi pubblici e privati in cui si svolgono manifestazioni; all’interno di asili, scuole, ospedali, case di cura, uffici pubblici e ricoveri di animali, nonché nelle loro immediate vicinanze e comunque entro un raggio di 200 metri; in tutte le vie e aree pubbliche dove transitano o siano presenti persone e animali.

La vendita presso gli esercizi commerciali abilitati è consentita esclusivamente nel rigoroso rispetto della legge mentre è vietato il commercio in forma itinerante di qualsiasi artificio o giocattolo pirotecnico.

Le violazioni saranno punite con una sanzione da 150,00 a 3.000,00 euro.

La via d'uscita "spot contro violenza donne"