Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

“LA MENSA DEI NOSTRI FIGLI”

Incontro pubblico sulla refezione scolastica 

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, e l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Giuseppe Giampietro, questa mattina, presso l’Auditorium Teatro Supercinema, hanno partecipato all’ incontro/dibattito avente per oggetto “La mensa dei nostri figli” al quale hanno preso parte i Dirigenti Scolastici degli Istituti Comprensivi di Chieti – Ettore D’Orazio, Serafina D’Angelo, Giovanni Santini e Assunta Michelangeli – rappresentanti dell’Osservatorio Mense - Sara Pantalone e Isabella Micati – della ditta Ladisa che fornisce il servizio di refezione scolastica, e gli alunni delle quarte e quinte classi delle scuole primarie cittadine. L’iniziativa, moderata dal giornalista Stanislao Liberatore, ha previsto interventi della dott.ssa Annalisa Blasetti, esperto nutrizionista della Clinica Pediatrica di Chieti, e del dott. Federico Angelini, medico chirurgo esperto in omeopatia, docente presso il CEDH di Parigi, sul percorso condiviso che ha portato all’introduzione del nuovo menù nella refezione scolastica.

 

Il Sindaco, dopo aver espresso soddisfazione per l’iniziativa, rivolta in particolare agli utenti primari della mensa scolastica, ovvero i bambini, per far comprendere loro l’importanza di una corretta alimentazione, ha sottolineato l’aspetto della partecipazione nella condivisione delle scelte con i genitori.

«Non a caso abbiamo voluto coinvolgere nel percorso l’Osservatorio Mense – ha aggiunto il Sindacoperché riteniamo che, quando si affronta un tema così importante, sia necessario il contributo di tutti e una pluralità di conoscenze. Compito di noi Amministratori – ha proseguito il Sindacoè quello di ascoltare e di dare risposte alle domande corrette che ci provengono  dal mondo della scuola e dalle famiglie. Infine, nostro ulteriore sforzo sarà quello di avvicinare sempre più il pasto consumato a scuola a quello della propria casa tornando nel più breve tempo possibile a far utilizzare stoviglie più idonee e non di plastica. Ritendo di poter dire che il rapporto che c’è tra i dirigenti scolastici che ringrazio per quanto fanno quotidianamente per i nostri figli, e l’Amministrazione Comunale sia uno degli elementi preziosi da conservare nella mia esperienza da sindaco, questa capacità del mondo della scuola di essere per primi protagonisti della gestione»

«La nutrita partecipazione – ha dichiarato l’Assessore Giampietro – ha testimoniato l’attenzione rivolta al tema della mensa scolastica, argomento sul quale l’Amministrazione Comunale ha avviato un percorso condiviso con l’Osservatorio Mense e che vede parte attiva i dirigenti scolastici, i docenti, i rappresentanti dei genitori nonché l’equipe della Clinica Pediatrica con i quali sono stati organizzati innumerevoli incontri condividendo il primario obiettivo della tutela della salute dei nostri ragazzi e la promozione di una più efficace educazione alimentare. Un percorso che l’Amministrazione vuole proseguire con il contributo indispensabile dei genitori anche grazie all’approvazione del Regolamento della Commissione Mense che a breve, dopo un ultimo passaggio in Commissione, approderà al vaglio del Consiglio Comunale.»

Nel nuovo menù della refezione scolastica sono state introdotte alcune importanti novità con utilizzo di prodotti che i nutrizionisti reputano necessari per una sana crescita, come ribadito nel corso dell’incontro dalla dott.ssa Blasetti, la quale ha sottolineato come sia stato raggiunto un bilanciamento quasi ottimale nell’apporto di carboidrati, proteine e grassi.

«Ci siamo attenuti a due criteri fondamentali – ha spiegato la dott.ssa Blasetti – ovvero la frequenza del consumo di alcuni alimenti, tenendo presente quanto suggerito dalla “piramide alimentare”, adottata in tutto il mondo, e l’equilibrio tra proteine, grassi e carboidrati nel singolo pasto. E’ importante, altresì, notare che il consumo di certi alimenti, quali i cereali, introdotti nel nuovo menù siano stati incoraggiati nei bambini. Nei prossimi mesi - ha annunciato la Blasetti - consegneremo dei questionari per verificare il gradimento e il successo delle variazioni apportate.»