Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Sicurezza in città: il Sindaco si rivolge al Prefetto chiedendo azioni più incisive

“Dopo l’ultimo preoccupante episodio accaduto nella notte in città, ho scritto al Prefetto di Chieti, Antonio Corona, perché nella veste di massima autorità in tema di ordine pubblico e sicurezza, individui, in aggiunta alle azioni già disposte e concordate con gli organi preposti, azioni ancora più incisive per neutralizzare il susseguirsi di episodi delittuosi che si stanno registrando in città”. È quanto afferma il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio.

 

«Gli episodi di violenza degli ultimi mesi non possono essere sottovalutati e catalogati come “fenomeni normali”– afferma il Sindaco Di Primio -. Mi riferisco, in particolare, agli eventi violenti registrati nella parte bassa della città - dall’omicidio Di Marco, all’accoltellamento del Cipressi - ai sospetti incendi di auto allo Scalo e di edicole in pieno centro, all’elevato numero, per la nostra città, di reati predatori, solo per citare gli ultimi, il furto in abitazione di viale Amendola e la rapina presso il bar Di Meo a Filippone. Fatti, questi, che s’aggiungono alla mai domata piaga dello spaccio e ad altri fenomeni meno rilevanti quali l’accattonaggio molesto o quello dei parcheggiatori abusivi e venditori di merce contraffatta.

Sono certo che il Prefetto e i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e di Polizia stanno facendo tutto quanto è necessario, anche e nonostante la scarsezza di mezzi e personale cui il “comparto sicurezza” di questo Paese è stato ridotto da poco lungimiranti Governi – prosegue il Sindaco -, così come sono certo che è sempre più necessaria una stretta collaborazione tra le istituzioni anche in materia di sicurezza urbana.

Per questo – evidenzia il Sindaco -  garantendo la piena disponibilità e collaborazione del Comune, ovvero della Polizia Locale, per quanto nei limiti che la legge disegna e nelle forme che i mezzi a disposizione ci consentono, ho chiesto al Prefetto di convocare una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica ove trattare le questioni che riguardano la mia città».