Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Alloggi Popolari: stretta dell’assessorato sui morosi - Assessore Salute: “Via dagli alloggi chi è risultato proprietario di altre abitazioni e chi ha un reddito superiore a quanto stabilito per legge”

“Le azioni di contrasto che l’Amministrazione Di Primio ha già posto in essere per una corretta gestione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica proseguono”. È quanto dichiara l’Assessore alle Politiche della Casa, Maria Rita Salute.

È compito dell’Amministrazione Comunale salvaguardare la funzione sociale degli alloggi popolari – evidenzia l’Assessore Salute -, per tale motivo sono già state recapitate missive a tutti gli assegnatari che si sono resi morosi nel pagamento dei canoni con l’invito ad effettuare immediatamente il pagamento della morosità fino ad oggi maturata.

 

Si è dato contestualmente avviso a tutti gli inadempienti, che in molti casi addirittura posseggono un reddito più che adeguato a soddisfare il credito vantato dall’Ente, che in caso di morosità superiore a sei mesi nel pagamento del canone di locazione e delle quote accessorie, il contratto è risolto e si procederà, contestualmente al recupero delle somme non versate, alla decadenza dall’assegnazione. 

Allo stesso modo – prosegue l’Assessore - dopo gli accertamenti capillari eseguiti d’ufficio dal Servizio di Politica per la Casa per la verifica dei requisiti di permanenza negli alloggi popolari, sono stati avviati i procedimenti amministrativi di decadenza per tutti coloro che risultano percettori di redditi superiori al limite previsto dalla legge o che sono risultati  proprietari di immobili ad uso abitativo.

Non si può e non si deve consentire che chi è al di fuori delle regole continui a detenere in modo fraudolento alloggi destinati alle fasce più deboli».


Cannot Connect to Youtube Server