Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

“CHIETI CITTA’ DELLA CULTURA” - Collezione Paglione: 101 opere per un valore di €2.387.000,00 al Museo Barbella

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, questa mattina, conil gallerista-mecenate Alfredo Paglione, il Vicepresidente del CSM Giovanni Legnini, l’Assessore al Patrimonio del Comune di Chieti, Valentina Luise e il direttivo della “Fondazione Immagine” di Alfredo e Teresita Paglione, presso il Museo d’Arte “Costantino Barbella” ha inaugurato ufficialmente l’esposizione “Arte per immagini. Da De Chirico a Lopez Garcia”, frutto dell’importante donazione di opere d’arte contemporanea di Alfredo Paglione acquisita al patrimonio indisponibile del Comune di Chieti.

Una collezione di 101 opere, fra dipinti e sculture di altissimo livello, che offre un articolato resoconto dell’arte di matrice figurativa nel XX secolo, a perenne testimonianza dell’amore che il gallerista-mecenate e l’indimenticata compagna della sua vita hanno sempre avuto per la città di Chieti e per la regione Abruzzo.

 

Nel corso dell’evento di oggi è stata presentata al pubblico anche la “Fondazione Immagine, Arte e Scienza, Chieti”, un organismo che Alfredo Paglione ha voluto creare mettendo insieme alcuni suoi amici e al quale è affidato l'onore e l'onere di custodire e valorizzare negli anni le tele, le sculture e gli oggetti d’arte che lui e la sua indimenticata Teresita hanno regalato a tutti gli abruzzesi.

«Ancora una volta rivolgo i miei ringraziamenti ad Alfredo Paglione che ha voluto che la città di Chieti diventasse custode del suo straordinario patrimonio artistico –ha detto il Sindaco Di Primio-. La sua generosità e la donazione di 101 opere ha infatti consentito alla città di disporre di una collezione d'arte di straordinario pregio attrattivo. Il suo percorso di vita così eccezionale, che lo ha portato per anni lontano dall’Abruzzo, alla fine lo ha ricondotto nella sua terra natale arricchendola con grande prodigalità. Chieti – ha proseguito il Sindaco – può diventare punto di riferimento dell’arte contemporanea e in tal senso stiamo lavorando all’idea di rendere il Museo Barbella e palazzo Massangioli un unicum espositivo permanente, attraverso una ambiziosa direzione artistica, in grado di lanciare “Chieti città della cultura”». 

«Paglione ha compiuto uno straordinario atto d’amore per la città e il Museo Barbella – ha commentato il vice presidente del Consiglio Superiore della Magistratura Giovanni Legnini -. Per sua volontà assumo la presidenza onoraria della Fondazione e lavorerò con il direttivo per valorizzare le moltissime opere d’arte che ha donato a diverse istituzioni abruzzesi. Cultura e turismo sono un binomio inscindibile e con i progetti messi in campo – dalla Cittadella della Cultura alla Villa Comunale alle collezioni donate da Paglione – si è costituita una leva per partire davvero» 

Le sale espositive contenenti le 101 opere di “Arte per immagini” rappresentano una preziosa attrattiva per il Museo Barbella contribuendo, in maniera fondamentale, a porre questo prestigioso sito espositivo ai primi posti in una ideale classifica nazionale.

«Come Alfredo Paglione ama ripetere – ha concluso il presidente della Fondazione Immagine Luciano Di Tizio - la bellezza e i giovani che questa bellezza sapranno apprezzare rappresentano la migliore speranza per il futuro. La donazione al Comune di Chieti insieme alle tantissime altre in Abruzzo e alla creazione della sua Fondazione, rappresentano altrettanti tasselli per contribuire, con la forza dell’arte, a costruire un mondo un pochino migliore».