Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Discarica in località Colle Marcone Ulteriori risultati dell’A.R.T.A.

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, rende noto che l’A.R.T.A. ha comunicato i risultati relativi alle analisi effettuate sulle acque meteoriche di dilavamento nonché i risultati relativi ad un campionamento di terreno prelevati nel sito in località Colle S. Antonio dove, il 27 giugno del 2015, si è sviluppato un incendio all’interno di una discarica abusiva di rifiuti speciali e tossici.

Tali prelievi, come evidenziato dall’A.R.T.A, sono stati effettuati a seguito della richiesta inoltrata dal Comune di Chieti.

 

Nel campione di acque meteoriche di dilavamento sono stati ricercati i parametri chimici di base, metalli, idrocarburi e solventi organici. Sulla base dei risultati analitici, l’A.R.T.A. non ha rilevato superamenti dei valori di standard di qualità ambientale per le acque superficiali previsti dal D.Lgs 152/2006.

Nel campione di terreno sono stati ricercati metalli, solventi e idrocarburi policiclici aromati e, anche in questo caso, non sono stati evidenziati superamenti delle concentrazioni soglia di contaminazione.

«Tali positivi risultati – ha detto il Sindaco Di Primio – ci confortano ed evidenziano che l’incendio non ha prodotto situazioni di inquinamento ambientale come si sarebbe potuto temere. Ora attendiamo dall’A.R.T.A. l’invio dei codici CER dei rifiuti stoccati in modo da poter avviare il progetto di recupero e di bonifica dell’area».