Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Approvate oggi in Consiglio Comunale importanti Varianti Urbanistiche per il rilancio economico e sociale del territorio

Con l’approvazione in Consiglio Comunale dei punti 6 e 7 all’Ordine del Giorno si è concluso l’iter di due atti di variante urbanistica che, di fatto, rilanciano l’economia generata dal comparto edile del territorio concorrendo soprattutto al completamento di importanti opere che l’Amministrazione Di Primio, già nello scorso mandato elettorale, aveva predisposto”. Lo ha dichiarato l’Assessore all’Urbanistica, Mario Colantonio, a margine del Consiglio Comunale odierno. 

«Le varianti urbanistiche - prosegue l’Assessore - riguardano, in particolare, via Ricciardi e via Pescara (Chieti Scalo) dove gli imprenditori interessati potranno convenzionare lavori per il completamento di marciapiedi, sistema di pubblica illuminazione, interventi alla viabilità a ridosso della Chiesa di San Pio X e nuovi parcheggi in direzione del sistema viario che riconduce alle aree Peep di via Pescasseroli a beneficio della collettività. Inoltre, sempre con l’approvazione odierna dei punti all’o.d.g, che conclude un iter burocratico durato tre anni e mezzo, si dà seguito all’approvazione di microzone e aree interessate da edificabilità privata nella zona di Madonna delle Piane, San Martino e via Amiterno.

La variante urbanistica che costituisce grande valore per il tessuto cittadino e in particolare per il centro storicoè però quella riguardante il complesso edilizio del Conservatorio dell’Addolorata di proprietà degli Istituti Riuniti San Giovanni Battista sito a ridosso di via Sant’Eligio e via Sette Dolori – ha evidenziato l’Assessore-. La proprietà aveva difatti richiesto una variante per l’utilizzo del piano terra e dei piani superiori della struttura ad uso del piccolo commercio, dell’artigianato e per servizi turistico-ricettivi e legati al terziario. È verosimile che la proprietà, attingendo a finanziamenti pubblici, possa finalmente progettare una azione di recupero edilizio e di riqualificazione di questo storico immobile da troppo tempo in stato di degrado.

A conclusione dell’iter – ha concluso l’Assessore - esprimo il ringraziamento personale all’Ufficio urbanistico e a tutto il Consiglio comunale che, con la commissione urbanistica, ha saputo imprimere le giuste valutazioni ad atti fondamentali per il rilancio economico e sociale del territorio comunale».