Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Assessore Giampietro - Comunicato - Progetto Da Teate a Chieti, inaugurazione della mostra

Da Teate a Chieti…Arte e artigianato: tecniche e reti di scambio dall’antichità ad oggi

L’Assessore alla Pubblica Istruzione, Giuseppe Giampietro, rende noto che lunedì 23 maggio 2016,  presso l’atrio del Palazzo della Provincia, verrà inaugurata la mostra didattica “Da Teate a Chieti…Arte e Artigianato: tecniche e reti di scambio dall’antichità ad oggi”, frutto dell’omonimo progetto didattico interistituzionale di educazione al patrimonio archeologico della città di Chieti, attuato nell’ambito del protocollo d’intesa siglato tra l’Amministrazione Comunale - Assessorato alla Pubblica Istruzione - i Servizi Educativi della Soprintendenza Archeologica diretti da Loredana D’Emilio e dalle Associazioni culturali Mnemosyne e Oltre Museo. La mostra, inserita nell’ambito delle manifestazioni del “Maggio Teatino”, potrà essere visitata fino a venerdì 27 maggio 2016.

 

Nel progetto sono coinvolte 18 classi delle scuole primarie e secondarie di 1 grado del Comune di Chieti che hanno affrontato il tema progettuale attraverso percorsi e laboratori didattici in classe e presso i due musei archeologici teatini di Villa Frigerj e La Civitella.

L’itinerario formativo ha preso le mosse dall’osservazione dei reperti archeologici come strumento di scoperta dei materiali utilizzati dall’uomo nell’antichità (l’argilla, la pietra, il metallo, l’ambra, l’osso, il vetro e il legno) e dei processi tecnologici di produzione, in un percorso che parte dal mondo antico e giunge all’artigianato contemporaneo, evidenziando il confronto con le testimonianze nell’artigianato locale e recuperando la conoscenza di una attività e di una risorsa dell’Abruzzo attuale.

I percorsi didattici di educazione al patrimonio “Da Teate a Chieti”, attuati a partire dal 2010, hanno guidato i giovani alla riscoperta delle proprie radici, accrescendo il senso di appartenenza, di identità e di rispetto dei beni culturali del territorio.

«Il patto formativo scuola-museo si è ormai consolidato con attività di sistema che vedono l’interazione tra professionalità diverse. ha dichiarato l’Assessore Giampietro - Esperienze scolastiche come queste si rivelano particolarmente utili a guidare le nuove generazioni verso la  riscoperta delle proprie radici e costituiscono, nel contempo, un indubbio strumento di educazione alla cittadinanza attiva. Il protocollo d’intesa stipulato con il Comune di Chieti per il trasporto degli studenti al museo, fortemente sostenuto dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione, ha favorito la costruzione di contatti, collaborazioni e sinergie indispensabili per realizzare progetti congiunti con la scuola e il territorio.»