Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Sindaco Di Primio - Comunicato - Mostra Convegno "100 anni di feste religiose e civili al Museo La Civitella di Chieti"

Sindaco Di Primio e Direttrice del Polo Museale d’Abruzzo lanciano un appello alla Regione affinché finanzi i progetti già presentati per incrementare i visitatori nei musei cittadini

 

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, questa mattina, presso l’Auditorium Cianfarani di Chieti, ha portato il proprio saluto alla conferenza che ha preceduto l’inaugurazione della Mostra documentaria “Cento anni di feste civili e religiose a Chieti dal 1834 al 1934. Aspetti, memorie, ricordi dai documenti d’archivio” a cura dell’Archivio Storico Comunale di Chieti in collaborazione con l’Archivio di Stato di Chieti e l’Associazione Nazionale Italia Nostra Onlus al Museo Archeologico Nazionale “La Civitella”.

Una occasione di confronto con i partecipanti per ricordare uno spaccato di storia locale, quello delle feste del Maggio Teatino in onore del Patrono S. Giustino, emerso dagli archivi comunali che «a buon ragione, in quanto custodi della storia, sono considerati beni Unesco» ha detto il Sindaco.

Un viaggio a ritroso nel tempo per rievocare le feste che venivano celebrate nel periodo primaverile con numerosi festeggiamenti, come la corsa dei cavalli berberi che si svolgeva da Sant’Anna a via Arniense, le corse che si facevano alla Civitella, le gare sportive come la Coppa Teate, le musiche della banda cittadina.

«Aspetti che stanno a cuore a ciascun teatino  - ha proseguito il Sindaco – e che, nel corso degli anni ho cercato di riproporre nel Cartellone del Maggio Teatino, tenendo a mente l’importanza delle tradizioni soprattutto nel senso etimologico del termine ovvero “tramandare” “consegnare” alle nuove generazioni. Quanto contribuiscono le tradizioni al senso di comunità? – ha poi evidenziato - Tanto, sono la longevità del futuro nonché memoria sociale collettiva».

Con la dott.ssa Arbace, che ha illustrato i dati relativi agli ingressi nei nostri Musei, il Sindaco Di Primio, evidenziando la necessità di porre in essere ulteriori azioni in grado di attrarre maggiori visitatori nelle strutture museali, ha convenuto un appello alla Regione affinché garantisca le giuste risorse economiche per finanziare progetti già da tempo presentati ma mai presi in considerazione.  

La mostra “Cento anni di feste civili e religiose a Chieti dal 1834 al 1934. Aspetti, memorie, ricordi dai documenti d’archivio” sarà visitabile fino al 31 maggio. Per l’occasione il Museo “La Civitella” effettuerà sia orario pomeridiano che domenicale.

Di seguito gli orari di apertura: dal martedì al sabato dalle ore 9.00 alle 19.00; la domenica dalle 9.00 alle 13.00.

Alla Conferenza hanno partecipato il direttore del Polo Museale d’Abruzzo, Lucia Arbace, il presidente di Italia Nostra, sezione di Chieti, Giancarla Armidi, la responsabile dell’Archivio Storico Comunale di Chieti, Luigia Ioannone, il Soprintendente Archivistico dell’Abruzzo e del Molise, Elena Glielmo, il direttore dell’Archivio di Stato di Chieti, Antonello de Berardinis, Giancarlo Pelagatti del Collegio dei Probiviri dell’associazione Italia Nostra Onlus, Stefano Capone, specializzato in Beni Culturali. 

pdf Mostra convegno

foto