Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Sindaco Di Primio - Comunicato - 50 anni dell'Università d'Annunzio: percorso storico, attualità, prospettive

50 Anni dell’Università d’Annunzio: percorso storico, attualità, prospettive

Sindaco Di Primio “L’Università d’Annunzio, fabbrica del sapere, è per Chieti oggi l’industria più importante. Sul sistema universitario abruzzese necessario un ‘tagliando’”

«Il Seminario di Studi “Cinquant’anni dell’Università d’Annunzio: percorso storico, attualità, prospettive” rappresenta una’occasione per analizzare le implicazioni di carattere economico, sociale, culturale, urbanistico connesse alla presenza dell’Ateneo sul nostro territorio. Una storia che nasce nel 1965 con il riconoscimento giuridico alla d’Annunzio di “Libera Università degli Studi”.

 

Quale è la sfida oggi, a cinquant’anni dalla sua nascita? Interpretare in modo diverso, moderno, coraggioso tutto ciò che ruota intorno a questa ‘fabbrica del sapere’, compito precipuo degli insegnanti. A chi è fuori del mondo accademico, invece, agli amministratori, spetta il compito di accompagnare l’Università nella sua evoluzione. Enti Locali e Università non sono distanti se sono capaci di dialogare e non entrano in conflitto se fanno sinergia.

È indubbio che per la città di Chieti l’Università rappresenta una delle ‘fabbriche’ più importanti, la ‘fabbrica del sapere’, insieme al Clinicizzato di Colle dell’Ara. Attrarre giovani in città vuol dire portare economia e vitalità sul territorio ma tutto questo non può non passare per un aggiornamento complessivo del sistema universitario abruzzese. Cosa occorre oggi per essere competitivi? Grandissima qualità e in questo momento, nel panorama regionale, è indubbio che vi siano dipartimenti che vanno avanti nel loro percorso ed altri che stanno subendo una sorta di stallo. I Comuni non possono far altro che essere vicini agli Atenei, dialogando con loro e in qualità di sindaco questa prerogativa non è mai venuta meno, sia quando si è trattato di progettare la Chieti del futuro con il Dipartimento di Architettura sia quando abbiamo deciso di riqualificare alcuni edifici del centro storico adibendoli a Casa dello Studente. Il nostro ruolo consiste proprio in questo, essere i coadiutori dell'Università».

È quanto ha evidenziato il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, questa mattina nel corso del Seminario di Studi “Cinquant’anni dell’Università d’Annunzio: percorso storico, attualità, prospettivein corso di svolgimento presso l’Auditorium del Rettorato dell’Università “G.d’Annunzio” di Chieti. 

foto


Cannot Connect to Youtube Server